MILANO – Facebook e privacy, anche per under13. Ma con l’ok dei genitori. Che non sanno

0

Facebook punta ai giovanissimi. Il social network vuole lanciare un sistema che consenta anche agli under 13 di aprire account su Facebook con la supervisione dei genitori. Al momento il social più famoso al mondo vieta ai giovanissimi di iscriversi e per ampliare agli under 13 il proprio pubblico deve adeguarsi alla legge del 1998 per la tutela dei bambini online.

FbLa norma prevede che le aziende ricevano il consenso dei genitori e lo verifichino prima di poter raccogliere o condividere informazioni personali di bambini. Lo “Sportello dei Diritti” spesso ha puntato l’attenzione sui pregi rappresentati dalle libertà della rete, ma anche sui difetti determinati dall’assenza di puntali controlli. Il problema di rispettare la privacy è sentito anche da Facebook stessa, che può trovarsi in difficoltà in quanto non potrebbe raccogliere dati personali senza il consenso dei genitori.

Eppure, secondo un rapporto di un anno fa, esistono almeno 7,5 milioni di bambini sotto i 13 anni che usano il sito, e poco meno della metà hanno meno di 10 anni. Solo un terzo dei genitori sa che i propri figli utilizzano il popolare social network. Non si sta parlando semplicemente del problema dei crimini legati alla sfera sessuale: attraverso Facebook, ad esempio, giovani sprovveduti potrebbero anche diffondere informazioni importanti legate alla sicurezza della famiglia o alle condizioni economiche della stessa.

Per questo per arginare il problema la mossa da parte dei dirigenti del social network, per evitare che la privacy dei minori venga meno, è solo quella di realizzare un collegamento fra l’account dei figli e quello dei genitori. In questo modo, tutte le applicazioni e le amicizie sarebbero monitorate dai genitori, che andrebbero ad approvarne o meno l’interazione con i propri figli.