BRUXELLES – Tassi, Bce: Francoforte (forse) pronta al nuovo minimo storico

0

La Bce, di recente, ha deciso di mantenere i tassi di rifinanziamento pronti contro termine al minimo storico dello 0,25 per cento; nella conferenza stampa che, come da tradizione, segue tali decisioni, il presidente dell’Istituto, Mario Draghi, aveva spiegato che l’operazione si era resa necessaria per sostenere la crescita, attualmente ancora debole e incerta.

bce1Draghi aveva aggiunto che il board della Banca centrale europea aveva concordato all’unanimità di tenere a lungo percentuali così basse e che, se fosse stato il caso, di non escludere interventi non convenzionali quali, anzitutto, un ulteriore abbassamento. Ora, come rivela lo Spiegel, settimanale tedesco che, di norma, ha piena contezza dei movimenti di Francoforte, i tassi potrebbero, effettivamente, scendere ancora.

Per far fronte alla minaccia della deflazione, fin qui scongiurata, a parole, da Draghi, ma pur sempre in grado di mettere in allarme l’Eurozona, i tassi potrebbero essere ribassati al nuovo record negativo dello 0,15 per cento se non, addirittura, allo 0,1. Tra le ipotesi prese in considerazione, c’è quella secondo cui gli istituti di credito potrebbero preferire, giunti a questo punto, individuare depositi alternativi per le proprie risorse. In sostanza, dovrebbero trovare maggiormente conveniente tornare a prestarli a imprese e famiglie per finanziarie le loro attività.

Fonte: CGIA