APRICA – Giovanissimi poeti in alta quota, le parole sono un successo

0

Se c’è un luogo dove gli studenti si cimentano col verseggiare, questo è Aprica. E, a giudicare dai risultati, l’essenza della poesia dev’essere divenuta a molti di essi cosa familiare. Se n’è avuta dimostrazione ieri mattina nella Sala consiliare del municipio della località turistica, dove ogni alunno delle tre classi medie, con ospite speciale la quinta elementare, ha portato una propria composizione.

Poesie ApricaAssistiti dall’ideatrice dell’iniziativa, la professoressa e poetessa Elisabetta Polatti, decine e decine di giovanissimi hanno letto i versi a tema libero scritti nel miglior momento d’ispirazione. Chi ha scritto una poesia dedicata alla natura, chi alle stagioni, alla mamma o al nonno, alla neve e al mare, al proprio fratellino, al gattino, chi a un turbamento d’amore. Tutti componimenti brevi e incisivi dove non di rado l’invenzione verbale trasfigura il senso dell’immagine espressa.

Complimenti agli studenti e alla professoressa sono stati espressi dal sindaco Carla Cioccarelli che ha fatto gli onori di casa e si è detta stupita della condivisione dei ragazzi per l’emozione estetica che la parola è capace di far provare. La parola, per un giorno almeno, è stata regina tra le damigelle “musica” e “immagine”.