ALBINO – Ricordando Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

0

Anche Albino quest’anno ricorda i due Magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con due momenti importanti: il primo proprio nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci; la sera del 23 aprile infatti, alle ore 20.45 all’Auditorium Benvenuto e Mario Cuminetti , il Consiglio Comunale tutto e l’Amministrazione hanno organizzato una serata di musica, immagini, letture e riflessioni sul tema della lotta alla mafia, mentre sabato 24 maggio alle ore 11 sarà intitolato ufficialmente il piazzale ASL.
Due appuntamenti importanti in cui si è voluto dare un segnale forte ai giovani : le persone chiamate a governare Albino hanno voluto ricordare insieme Giovanni Falcone e Paolo Borsellino scegliendo la Musica (composta per l’occasione) come filo conduttore e per legare il mondo degli adulti a quello dei ragazzi. E quando il gruppo dei più giovani avrà raccolto il testimone, dedicheranno loro stessi ai Magistrati scomparsi, due dei loro brani, ma lo faranno solo dopo averli ricordati con 22 secondi di silenzio.

Per tutta la serata i ragazzi presenti potranno mandare via facebook i loro messaggi che virtualmente saranno appesi ai due alberi di via D’Amelio e a quello di Capaci: è un altro modo per consentire alle nuove generazioni di esprimersi su questo tema, rafforzando così il senso dell’accaduto. La mattina del 24 maggio saranno invece protagonisti i bambini del CCR e un gruppo di venti studenti dell’indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo di Albino: anche l’inno nazionale sarà suonato da loro con uno strumento inedito per l’inno che però vuole segnare la freschezza dell’età abbinata all’impegno.falcone
Ed sempre ai più giovani che abbiamo voluto pensare scegliendo il piazzale ASL, perché questo nostro grande spazio -in cui si affaccia la stazione di testa della TEB ed è snodo per la SAB- è in realtà un luogo di quotidiano passaggio per moltissime persone ma soprattutto studenti. Il cartello che abbiamo scelto con la l’immagine che vede “ancora insieme i due Magistrati” vuole offrire un messaggio costante:” La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà una fine” …dipende ogni giorno da ciascuno.