BRESCIA – A Rizziero e Zigliani è andato il Rally 1000 Miglia dei piccoli

0

Insieme alla gara del WRC, gli organizzatori hanno messo in cantiere anche il 1000 Miglia Junior, con un totale di 66 km di prove speciali, tutto concentrato in una sola giornata: verifiche e gara. La vittoria è andata al duo bresciano formato da Rizziero e Ludwig Zigliani con la Peugeot 207 S2000, impostisi su tre delle cinque prove speciali disputate, essendo stata cancellata la sesta, Pertiche al secondo passaggio. Alle loro spalle, per soli 5,2”, il camuno Ilario Bondioni navigato dall’esperto Tommaso Rocco, con la Renault New Clio R3, vincitori di due Ps, per soli 5,2”.

Rally JuniorIl terzo gradino del podio è andato a Fabio Rivaldi e Roberto Zambetti con una Renault Clio. Tre vetture diverse, che hanno rappresentato e rappresentano tre momenti storici diversi del mondo sportivo automobilistico. Al quarto posto un ottimo Massimo Bettoni, che con la Citroen C2 ha fatto segnare tempi paragonabili a quelli dei piloti impegnati, con vetture simili nel rally maggiore. La manifestazione “Rally 1000 Miglia Junior” ha avuto un notevole seguito tra i piloti locali ed è stata creata ad hoc per dare la possibilità ad un ampio ventaglio di equipaggi di correre senza dover impegnare un budget eccessivo, visto il suo chilometraggio ridotto.

Con questa alternativa “light”, l’Automobile Club Brescia conferma la propria grande attenzione alle vicende dello sport automobilistico, proponendo una innovativa formula di gara “low cost” con una tassa di iscrizione notevolmente ridotta. Per alcuni la gara bresciana è stata un’occasione per testare la vettura in vista dell’impegno nel Cir o nel trofeo Suzuki.

Questo è il caso del giovane Gianluca Saresera, portacolori della Just Race in gara con una Suzuki Swift sport, con cui disputerà tutto il trofeo. Tra le vetture storiche il successo è andato alla Porsche 911 di Superti-Quarantani, ampiamente davanti a Camanini-Orizio con Porsche Carrera RS e terzi Barbieri-Gregori su una BMW 2002 Ti.