CAPO DI PONTE – Lancini incontra la Valcamonica, è candidato alle Europee

0

Per Oscar Lancini, candidato bresciano della Lega Nord al Parlamento europeo, si è svolta lo scorso 13 maggio, presso l’Albergo Graffitipark di Capo di Ponte, una serata intensa di campagna elettorale.

211836049-afd3b9de-1f9a-44a9-8a53-56e7c853bbf5Il sindaco di Adro ha scelto l’alta Valcamonica per ribadire la necessità di tutelare e promuovere il territorio montano, ambito su cui l’Unione europea sempre più intensamente legifera e pone i suoi vincoli: «I tecnocrati europei – dichiara Lancini – affossano la produzione degli stracchini obbligandoci a utilizzare vasche in acciaio inox, oppure a rivestire di ceramica le pareti dei caseifici di malga, ma è ovvio che le peculiarità e la qualità dei nostri formaggi sono garantite proprio dalla modalità tradizionale con cui vengono prodotti». Ma non è tutto, per il candidato della Lega Nord «sono dei pazzi o dei criminali coloro che intendono ammazzare così la nostra cultura». «I padani – continua il sindaco franciacortino – vantano una storia millenaria che fino ad oggi ha portato ricchezza e risultati concreti. Non saranno certo questi burocrati a insegnarci cosa dobbiamo fare a casa nostra».

Secondo Lancini sullo sfondo di molte politiche europee vi sono grossi pericoli per l’economia: «I finanziamenti dell’Unione seguono spesso logiche da strozzino, da Bruxelles ci concedono finanziamenti con lo stesso denaro che noi abbiamo pagato con le tasse, per poi prenderci per il collo come dei cravattari, col solo fine di toglierci tutto se non obbediamo alle loro regole. L’Europa che la Lega Nord ha in mente – conclude Lancini – è l’Europa dei popoli, quella che mette prima il bene della gente».