SONICO – L’assessore Beccalossi inaugura il nuovo ponte alla frazione Rino

0

“L’attenzione di Regione Lombardia verso i temi che riguardano il dissesto idrogeologico e la difesa del suolo è costante. L’intervento che inauguriamo oggi va proprio nella direzione di mettere in sicurezza quei territori che, anche per propria conformazione, sono da considerarsi a rischio”. Lo ha detto Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo e dirigente di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, intervenendo a Sonico, in Valle Camonica, all’inaugurazione del nuovo ponte che unisce il paese alla frazione di Rino. Un intervento resosi necessario dopo i gravi eventi calamitosi avvenuti in questa zona nel luglio del 2012. “Regione Lombardia – ha aggiunto Viviana Beccalossi – dopo essere aver predisposto un ponte provvisorio, ha seguito passo dopo passo e con grande attenzione la realizzazione del nuovo ponte che tiene conto di quanto successo in passato e risulta adeguato per eventi di colata detritica simili a quelli avvenuti nel 2006 e due anni fa”.

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????L’opera ha una maggior superficie e altezza, con una sezione idraulica mirata a evitare nuovi pericoli in caso di esondazioni e frane. Ha una larghezza di dodici metri e una portata di carico di oltre 20 tonnellate a metro quadrato.

L’assessore Beccalossi, nell’occasione, ha anche ricordato che “solo pochi giorni fa sono state presentate e firmate a Brescia le due convenzioni dedicate proprio alle problematiche idrogeologiche di questo territorio”.

“Un impegno – ha spiegato Viviana Beccalossi – che avevo personalmente assunto dopo gli eventi calamitosi dello scorso anno e che aggiungerà opere che proseguiranno in altre zone critiche il lavoro terminato oggi con l’inaugurazione del ponte. Nei dettagli, il mio assessorato ha finanziato su questa tematica oltre 8,5 milioni di euro, per finanziare “cantieri” suddivisibili in due filoni. Il primo interessa il torrente Rabbia, che ha visto come enti attuatori il Comune e la provincia e che comprende anche il monitoraggio delle colate detritiche. Il secondo riguarda l’Oglio e verrà attuato, dopo la firma della convenzione da 4 milioni di euro a cui mi riferivo prima”.