VALSUGANA – Partono il 28 luglio i lavori. Programmati bus sostitutivi

0

I lavori sono necessari, ma partiranno dal 28 luglio per terminare il 9 settembre e comunque la Provincia ha definito con Trenitalia un programma sostitutivo che copre il 90% circa delle corse ferroviarie: dunque la linea è ampiamente garantita. Queste le precisazioni dell’assessore ai trasporti della Provincia autonoma di Trento a seguito delle notizie relative all’intervento programmato di manutenzione della linea che potrebbero preoccupare utenti e turisti. Per garantire il servizio e minimizzare i disagi è stato concordato un programma di bus sostitutivi; inoltre verranno coinvolte le APT di zona che raccoglieranno le prenotazioni per il trasporto bici delle corse bus con carrello che saranno effettuate nei fine settimana.

pergine_valsuganaPer avere un servizio efficiente e veloce fare degli interventi è indispensabile. E’ il caso dei lavori, programmati già da tre anni, che riguardano la realizzazione dei cosiddetti ‘incroci in contemporanea’ a Roncegno e a Caldonazzo. In termini non tecnici, si tratta di opere che velocizzeranno la marcia dei treni e che si accompagneranno anche alla costruzione dei conseguenti sottopassi pedonali. I lavori sono stati programmati in un periodo che è meno intenso dal punto di vista dell’utenza generale, posto che le scuole sono chiuse. Si è naturalmente pensato al traffico turistico, con un occhio di riguardo a quello generato dalla presenza di importanti circuiti ciclabili proprio in Valsugana. Ecco perché – nel programmare un servizio di autobus sostitutivi che già di per sé copre il 90 per cento delle corse attuali – si è insistito su alcune corse speciali (autobus con carrelli a traino) per il trasporto di 40 biciclette a carico. Per un miglior funzionamento di quest’ultimo aspetto, si è pensato di coinvolgere le APT locali che sono state incaricate di raccogliere le prenotazioni dei ciclisti.

Come detto, il termine previsto per la conclusione dei lavori è il 9 settembre: in tempo utile dunque per “riprendere il treno” con una linea resa ancora più prestante. Confortano a questo proposito i dati: il trend dei passeggeri è costantemente crescente dall’avvio del cadenzamento (prima del dicembre 2006 i passeggeri giorno erano poco più di 2000; nel novembre 2009 tra Trento e Bassano erano 5.100) Questi i passeggeri risultanti a novembre 2012: passeggeri Trento Borgo: 5233; passeggeri Trento Bassano: 6498.