BRESCIA – Caso Yara, 400 bresciani nel mirino per trovare il colpevole

0

Giustizia per Yara non è ancora stata fatta e col passare del tempo vanno scemando le possibilità di riuscire ad identificare ignoto X. Così gli inquirenti hanno definito l’autore del reato, cioè colui che ha ucciso la 14enne bergamasca nel dicembre del 2010. Sembrano essere certi i genetisti del fatto che l’assassino sia il figlio il illegittimo di un autista di Gorno Giuseppe Guerinoni, essendo il suo Dna, prelevato da un vecchio francobollo, un buona parte compatibile con quello del killer, prelevato dai leggins che la piccola Yara indossava il giorno in cui tragicamente ed inspiegabilmente ha perso la vita.

Yara-Gambirasio-scritta-in-chiesaLe indagini, condotte dal pm Letizia Ruggeri, si sono spinte fino a Brescia: 400 bresciani, residenti nella zona Ovest, tra Chiari e il lago di Iseo, sono finiti nella lente d’ingrandimento degli inquirenti in quanto nel giorno dell’omicidio si trovavano, per i più svariati motivi, a Brembate di Sopra.