VALCAMONICA – Corso pratico “recupero muri in pietrame secco” con l’Adamello

0

La Comunità Montana di Valle Camonica – Parco dell’Adamello, l’Associazione per i Produttori Agricoli di Valle Camonica (APAV) ed il Comune di Cimbergo organizzano il primo corso pratico di recupero e manutenzione dei muri in pietrame a secco a sostegno dei terrazzamenti che caratterizzano i versanti ed il paesaggio della valle Camonica.

??????????????????La sinergia tra i soggetti promotori – diversi per natura e ruolo – evidenzia la forte volontà di valorizzazione sostenibile del territorio rurale e si inserisce a pieno titolo nel percorso intrapreso nel corso degli anni dal Parco dell’Adamello.

Il corso prevede una prima serata aperta al pubblico dove saranno spiegate, a livello teorico, le tecniche e le caratteristiche costruttive e statiche di questi manufatti dalle antichi origini, alla quale seguirà una parte pratica riservata ai soli iscritti.

Una vera novità: infatti, per la prima volta in Valle Camonica, i maestri del mestiere mostreranno in concreto agli “allievi” come intervenire nel recupero dei muri in pietrame a secco. Una “scuola” di recupero di questi preziosi manufatti che si effettuerà in aperta campagna nel Comune di Cimbergo.

Questo primo corso rappresenta una sfida ambiziosa per i soggetti organizzatori, infatti, per la prima volta si prova ad unire la teoria alla pratica sul campo, grazie all’esperienza dei mastri muratori.

I partecipanti – che per ragioni organizzative non potranno superare le 15 unità – con il supporto dei docenti, dovranno dimostrare di avere appreso la teoria e la messa in pratica di quanto spiegato.

Questa sfida rappresenta un ulteriore passo verso la strada della valorizzazione del paesaggio e del patrimonio rurale camuno. Un tassello di un mosaico finalizzato alle rivitalizzazione del territorio rurale cui il Parco dell’Adamello crede molto. Infatti nel corso degli anni sono state messe in atto diverse azioni a tale scopo, ovvero l’erogazione tramite bando di contributi per il rifacimento dei muri a secco, un manuale con le linee guida per il loro recupero ed incontri pubblici a tema.

L’obiettivo di queste azioni è far sì che il “saper fare” venga messo in circolo e tale linfa di attività agreste scorra nelle vene di tutti coloro che vivono la campagna e che amano il proprio territorio. È convinzione ormai radicata che un territorio ben mantenuto sia uno dei presupposti essenziali della qualità della vita dei suoi abitanti ed uno dei principali fattori di attrazione turistica. E un territorio ben mantenuto è tale solo se il tessuto economico è vitale, compresa l’agricoltura ed il patrimonio culturale da essa derivante.

Oltre al Parco dell’Adamello, l’altro soggetto promotore è l’Associazione per i Produttori Agricoli di Valle Camonica (APAV), un’eccellenza camuna che riunisce a livello associativo coltivatori e appassionati di agricoltura del territorio. La presenza di APAV è una garanzia che il progetto di ricostruzione sia inserito in una realtà viva e vitale che fa della terra e dell’agricoltura una sua ragione di essere.

L’altro prezioso partner è il Comune di Cimbergo, una comunità molto attiva da prendere come esempio nelle scelte di recupero e valorizzazione dei muretti a secco, anche grazie alla massiccia partecipazione dei suoi abitanti ai periodici bandi indetti dal Paco dell’Adamello ed alla bravura dimostrata dagli stessi nelle loro realizzazioni.