STRASBURGO – Regolamento su malattie animali Ue. Sì a cattura e uso richiami vivi

0

“L’aumento del commercio internazionale e alcuni fattori ambientali come il cambiamento climatico esigono l’adozione di misure aggiornate per tutelare la salute dei consumatori finali e degli animali allevati in Europa. Con questo nuovo regolamento, offriamo una risposta concreta che vuole prevenire determinate malattie senza dover ricorrere all’abuso dei medicinali veterinari”.

AnimaliLo ha detto Andrea Zanoni, eurodeputato del Pd e membro della commissione ENVI Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo. Il testo approvato a Strasburgo prevede misure per prevenire e reagire a focolai di malattie negli animali e più controlli lungo la filiera alimentare per combattere le frodi e migliorare la sicurezza alimentare.

Le norme autorizzano la Commissione europea ad adottare misure urgenti per affrontare focolai di malattie che hanno un grande impatto sulla salute pubblica e sulla produzione agricola, come la Bluetongue (lingua blu), la pesta suina africana o l’influenza aviaria. Sempre per arginare l’afflusso di parassiti è stato deciso di creare una lista di paesi e prodotti che non presentano un grave rischio per l’agricoltura e che, quindi, possono essere importati nell’Ue.

“Purtroppo mi rammarico per lo stop al divieto di cattura e uso dei richiami vivi nella caccia che avevo proposto e che era stato approvato a larghissima maggioranza in commissione Ambiente – aggiunge Zanoni.- Questo è accaduto perché la commissione Agricoltura aveva espresso parere contrario”.