BRESCIA – Knockout game: Dossena critica la giustizia

0

Guido Dossena, vittima di un’aggressione da parte di una banda di ragazzini sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, racconta che la notte dell’agguato, lo scorso 29 marzo, i Carabinieri gli dissero di aver fermato i ragazzi in via San Faustino.

03_13_bso_f1_285_1_resize_526_394Nonostante ciò, ad ora non è stato adottato alcun provvedimento, tant’è che Dossena nutre il sospetto che le forze dell’ordine conoscano l’identità dei giovani ma vogliano coprirla per qualche strano motivo.
La notte dell’aggressione venne raggiunto all’ospedale Civile dai Carabinieri, che gli chiesero di seguirlo per effettuale il riconoscimento. Nella stessa notte, a detta dei Carabinieri, i ragazzi erano stati fermati e, in base ai test tossicologici, erano risultati positivi alla cocaina. Essendo sotto shock per l’accaduto, Dossena disse loro che sarebbe andato l’indomani.

Ora Dossena si domanda perché non sia ancora stato chiamato per il riconoscimento e dunque avanza l’ipotesi che si voglia insabbiare tutto. Carabinieri e Polizia mantengono il più stretto riserbo, senza confermare né smentire la sua versione dei fatti.