ISEO – Legambiente: risparmiare e tutelare al meglio ambiente e territorio

0

Il lago d’Iseo, uno dei più belli e caratteristici d’Europa, ha bisogno di un governo unitario per la sua tutela, valorizzazione e sviluppo del  turismo.
Si può pensare  di mettere insieme competenze, ora frammentate e suddivise fra i 16 comuni lacustri. Ad offrire questa opportunità è il disegno di legge Del Rio. Il testo varato dal Senato, la settimana scorsa,  definisce le Unioni dei comuni, attualmente possibili solo per quelli sotto i 3 mila abitanti, ora invece estese a quelli fino a 10 mila abitanti. In pratica anche i 4 grandi centri (Iseo, Lovere, Pisogne e Sarnico) possono accorpare funzioni con i rimanenti comuni più piccoli, nessuno escluso. Una grande occasione per avviare un risparmio e revisione della spesa (spending revew) e coordinare le politiche del territorio senza organismi sovrastrutturali, come l’Autorità del lago (ex  consorzio).
Ovvero risparmi di spesa che evitano di svendere il territorio ai soliti appetiti immobiliari per portare a casa pochi oneri di urbanizzazione e scarse risorse necessarie, quando va bene, per gestire tutti i servizi comunali, quando va male per gestire il consenso della politica. Infatti, in molti comuni, tasse  e tariffe dei servizi sono in continua crescita.autorità bacino
E’ giunto il momento di “disboscare”  i carrozzoni pubblici, benevolmente cresciuti all’ombra dei campanili municipali. Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti. Non è più sostenibile l’allegra spesa dell’Autorità del lago d’Iseo, che lo scorso anno ha inaugurato una fastosa, quanto inutile, sede a Sarnico, costata 400 mila euro  per ospitare meno di 10 addetti, diventi un polo tecnologico aperto ai giovani del lago e sviluppi i saperi locali. Inoltre ha approvato una spesa di 5 milioni nel triennio, per realizzare nuovi inutili porti e attracchi, che non porteranno ricadute positive sull’economia della zona. A braccetto dell’autorità per inutilità è la sua controllata “Navigazione del lago d’Iseo srl”, che eroga oltre 72 mila euro annui “solo” per compensi ai 3 amministratori, 49 mila euro al presidente e 12 mila l’uno ai due vice.Merita la stessa sorte anche la srl “Manutenzione del lago d’Iseo”, la società in house affidataria, senza gara pubblica con costi notevolmente superiori a quelli di mercato, di tutti i lavori di manutenzione sui 65 km di rive del lago.
Le politiche ambientali (di gestione dei rifiuti, di tutela dei boschi e dei corridoi ecologici), quelle di edilizia scolastica e delle strade meritano una gestione unitaria e non disorganica, quale  l’attuale.