SONDRIO – “Artigianato tra presente e futuro”, convegno di Confartigianato

0

Si è tenuta stamattina presso la Confartigianato di Sondrio la conferenza stampa per la presentazione del convegno “Artigianato tra presente e futuro. Quale formazione”. Il presidente Ezio Varisto, dell’EBA Sondrio, ha presentato nel dettaglio il convegno che si terrà venerdì 11 aprile a partire dalle 16.30 con un workshop degli enti formativi delle parti sociali. Varisto nella sua esposizione ha precisato che Fondartigianato dal 2004 finanzia progetti di formazione continua per i lavoratori dell’artigianato e della piccola impresa e che per la sola Lombardia sono stati fino ad ora messi a disposizione più di 15 milioni di euro per oltre 500 progetti che hanno coinvolto 15 mila lavoratori e 2 mila aziende. In sinergia con le linee guida nazionali, Fondartigianato Lombardia ha deciso di organizzare, nei singoli territori lombardi degli incontri, quello di Sondrio è l’ultimo, per conoscere le realtà locali e farne emergere bisogni.

La conferenza stampa di stamattina
La conferenza stampa di stamattina

Varisto segnala che l’iniziativa è aperta a tutti: imprese, lavoratori, cittadini che vogliono conoscere da vicino le opportunità formative che Fondartigianato può offrire e che il convegno è accreditato dall’ordine dei consulenti di Sondrio per la certificazione dei crediti formativi. Continua Varisto: “Ritengo che la tavola rotonda sarà molto stimolante, vista la nutrita presenza sia delle parti sociali che degli enti amministrativi impegnati in primo piano nella formazione e credo che il dibattito sarà di notevole interesse anche per Fondartigianato che così potrà proporre idee nuove per il 2014/15”. Successivamente sono intervenuti altri. Coldagelli, vice presidente di Confartigianato Sondrio, che ha precisato. “Nel periodo storico attuale, dove la globalizzazione dei mercati impone al sistema delle imprese, europee ed italiane, il confronto con un’economia in ascesa e in forte sviluppo i cui prodotti, a causa del bassissimo costo del lavoro, rischiano di apparire per il mercato più appetibili e invitanti, impone la scelta non rinviabile di rafforzare, attraverso politiche mirate e al passo con i tempi, il sistema delle piccole e medie imprese (che rappresenta a tutt’oggi la base del tessuto economico imprenditoriale del nostro paese).

Per noi il partner privilegiato attraverso il quale raggiungere tali risultati, può certamente essere individuato in Fondartigianato che idealmente può e deve diventare l’arena nella quale potersi confrontare e dove dibattere, decidere ed operare. Questi sono gli obiettivi che assieme, sinergicamente, è possibile traguardare. A noi piace dire che Fondartigianato è uno strumento sia per le imprese che per i lavoratori ed è al servizio della crescita e del progresso”. Dolzadelli ha incentrato il suo intervento sull’importanza della formazione per le piccole imprese e soprattutto la conoscenza dei bandi e delle risorse messe a disposizione. Cerri che oltre ad auspicare una formazione aziendale come quella tedesca o svizzera, ritiene che sia sempre più importante concentrarsi su una formazione mirata e vicina ad imprese e lavoratori. Calcinardi ha ribadito il ruolo determinante dell’apprendistato e quindi la formazione come momento centrale della vita lavorativa. La conferenza stampa si è conclusa con un invito di Varisto alla partecipazione perché la formazione riguarda tutti giovani e meno giovani, lavoratori ed imprese ed ha ribadito la trasmissione del sapere e la trasmissione delle competenze per il mondo dell’artigianato è un valore fondamentale.