ROMA – Lavoro, ministero potenzierà i controlli contro partite Iva e co.co.pro “falsi”

0

Il ministero del Lavoro ha reso nota l’intenzione di potenziare i controlli sull’uso improprio di alcune categorie di contratti per contrastare certe forme di precarietà indotta. In particolare, saranno rafforzate le verifiche su alcune forme di flessibilità quali i contratti a progetto o le partite Iva che, sovente, celano rapporti di subordinazione.

Contratti-a-termine-cosa-cambierebbe-con-la-deregulation_h_partbA tal proposito, è stato costituito un gruppo di lavoro “per valutare l’eventuale esigenza di semplificazioni e revisioni normative, prevedendo l’attivazione di un confronto in merito con tutte le parti interessate”. L’operazione nasce dalle considerazioni del ministero Poletti secondo il quale certe forme contrattuali sono giustificate esclusivamente da specifiche esigenze produttive, ma non dalla volontà di “evitare possibili contenziosi, sfuggendo agli obblighi previdenziali ed assistenziali verso il lavoratore che viene così a trovarsi in condizioni di precarietà, con scarse tutele e pressoché inesistenti prospettive di stabilizzazione”.

Il ministero fa presente che il potenziamento dei controlli aumenterà il numero di risultati positivi già ottenuti nel 2013 con la “riqualificazione” di circa 19.000 posizioni lavorative.

Fonte: CGIA