GARDONE – Polemica “Rebelot”. Comitato risponde ai “Cittadini”

0

Ho appena letto il volantino che il comitato “Cittadini per il nostro comune” sta distribuendo nelle case delle famiglie gardonesi e, con stupore, leggo che la decisione di sostituire “Fiori e colori” con il “Rebelot di maggio”, è stata presa per suscitare qualche spiraglio di credibilità e sostegno all’ufficio commercio e turismo del comune. Essendo componente del Comitato “Acqualunga” centro storico da 28 anni, vi posso garantire che mai la nostra associazione si è comportata in questo modo. Al nostro interno ci sono persone che hanno ideologie diverse sia dal punto di vista politico che religioso ma questo non è mai stato motivo di discussione o di subalternità a nessuno.

RebelotIl nostro vanto è quello di aver operato in tutti questi anni nell’intento di favorire la rivitalizzazione del centro storico attraverso iniziative di vario genere con finalità di beneficenza e solidarietà. Fatta questa premessa che ritengo interessante per spiegare meglio la mia risposta e, tornando alla centralità dell’argomento vi posso garantire che la decisione di tornare al “Rebelot” è un’idea nata subito dopo l’ultima edizione del 21 aprile 2013, durante una giornata per il quarto anno consecutivo piovosa. Oltretutto propositore del cambiamento è stato un nostro componente che sicuramente non vota per questa maggioranza. All’unanimità abbiamo ritenuto di rimandare la decisione nella nostra sede in occasione della riunione dove avremmo stilato il calendario delle iniziative per l’anno in corso. E così è stato. Infatti in data 25 febbraio 2014, tra i presenti (14 per la precisione) si è fatta questa scelta che brevemente vado a riassumere:

– Per ben 4 anni consecutivi “Fiori e colori” si è svolto sotto l’acqua (l’unica volta che non ha piovuto è stato in occasione della prima edizione fatta in maggio);
– La terza domenica di settembre è già occupata dal “mercatì de Inzì”. Sentiti gli organizzatori a fine gennaio ci hanno confermato che anche quest’anno sono intenzionati a riproporre l’iniziativa. Non ci sembrava corretto fare doppioni;
– L’iniziativa è sempre stata svolta la 3° domenica del mese per evitare doppioni con altri mercati della provincia;
– La terza domenica di aprile 2014 è Pasqua;
– In data 26 febbraio 2014 (il giorno dopo la riunione abbiamo scritto a Comune e Comunità Montana (che non è amministrata dal centro sinistra) per chiedere se riconfermavano anche quest’anno l’adesione all’iniziativa;
– A fronte di tutto ciò, considerando che in maggio la maggior parte delle persone ha già fatto orti e giardini si è deciso di chiamarlo “Rebelot di maggio”.

Non credo che nel 2015 ci saranno nuovamente le elezioni però, se Dio vorrà, il Rebelot di maggio si svolgerà nuovamente la terza domenica.

Giovanni Zanardelli
Comitato “Acqualunga Centro Storico”