BRESCIA – Bazoli e Bettoni sulla BreBeMi, primo test in auto sulla strada

0

Si è appena conclusa la visita sul nuovo tracciato Brebemi del presidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli. Una visita riservata dove, per la prima volta in assoluto, il presidente Bazoli ha potuto viaggiare, assieme al presidente di Brebemi Francesco Bettoni sulle nuove carreggiate a tre corsie che in poco più di 60 km collegano, in direttissima, Brescia con Milano e viceversa. Una testimonianza simbolo quella del presidente di Intesa Sanpaolo, da sempre a supporto di quest’opera che ancor prima di essere aperta al traffico ha raccolto ben due premi internazionali, a Londra, per la costruzione del più interessante project financing europeo.

BrebemiLa visita ha permesso di poter constatare lo stato ormai quasi completato dell’opera, la nuova autostrada ha un’estensione di 62,1 km, con la realizzazione di oltre 35 km d’interventi sulla viabilità ordinaria. Le cinque province interessate dalla A35-Brebemi sono Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Milano, mentre i Comuni complessivamente coinvolti sono 43, tredici in Provincia di Bergamo, tredici in Provincia di Brescia, quattro in Provincia di Cremona, uno in Provincia di Lodi, dodici in Provincia di Milano. A35-Brebemi è la prima infrastruttura autostradale italiana ad essere realizzata in project financing, ovvero in completo autofinanziamento senza oneri per i contribuenti e per lo Stato, per un costo di 1,61 miliardi di euro.

L’investimento è finanziato per circa il 75% con prestiti bancari e per circa il 25% con mezzi propri messi a disposizione dai soci (equity). Il presidente Bazoli ha così potuto riscontrare come A35-Brebemi, dalla fine del primo semestre di quest’anno, appena terminati i collaudi, sarà in grado di attrarre una parte significativa del traffico di lunga percorrenza, risolvendo definitivamente il congestionamento che ha caratterizzato i territori attraversati e aiutando in modo straordinario a rilanciare la competitività degli stessi e delle imprese che vi operano. Un contributo fondamentale quello di Intesa Sanpaolo, nella realizzazione di un progetto infrastrutturale necessario per lo sviluppo del territorio.