MANERBA – Da Manet a Ma_Net: presentata l’app dei musei archeologici

0

E’ stata presentata ieri, presso il Museo Civico Archeologico della Valtenesi, l’app Ma_net.

Immagine

L’applicazione, oltre a fornire informazioni in più lingue sulle 17 realtà facenti parte del circuito, farà da collante tra i Musei Archeologici delle province di Brescia, Cremona e Mantova facenti parte della Rete.

Come il pittore Eduard Manet, che giunse al rinnovamento della pittura operando all’interno delle istituzioni accademiche, anche l’omonima applicazione propone e promuove servizi educativi, in genere articolati in percorsi didattici e laboratori, prevalentemente rivolti agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

Nata nel 2004 e cresciuta nel corso degli anni, la Rete Ma_net, con i suoi 17 membri stabili, racchiude i principali musei a interesse archeologico operanti nelle province di Brescia, Cremona e Mantova. Dal 2005, grazie ad un contributo della Regione Lombardia, diviene possibile diversi progetti, dalla promozione alla cultura, dalla didattica alla formazione.

Dall’estate del 2011 il territorio nel quale opera la Rete si è arricchisce del prestigio internazionale derivante dall’inserimento nella lista del Patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO di centoundici siti palafitticoli dell’arco alpino, i principali dei quali si trovano nella Lombardia orientale e sono valorizzati proprio nei musei e nelle aree archeologiche della Rete. Si tratta dei siti dei Lagazzi di Vho di Piadena (CR), di Bande di Cavriana e di Castellaro Lagusello di Monzambano (MN), di Lavagnone di Lonato, Lugana Vecchia e Belvedere di Sirmione, San Sivino di Manerba e Lucone di Polpenazze (BS).

Il progetto rientra a pieno titolo nella valorizzazione digitale del patrimonio culturale con attenzione all’attrattività turistica in vista dell’Expo 2015 per la realizzazione di percorsi tematici e territoriali.

L’applicazione può essere scaricata gratuitamente dallo store della Apple o da Android Market.