TRENTO – Fondo strategico del Trentino: stanziati 75 milioni

0

Con una deliberazione di variazione al bilancio di previsione 2014, presentata dal presidente Ugo Rossi, la Giunta provinciale ha stanziato 75 milioni di euro per il Fondo Strategico del Trentino-Alto Adige. L’impegno finanziario da parte della Provincia autonoma di Trento segue la decisione della scorsa settimana con cui è stata approvata la struttura del Fondo, a cui  contribuirà con altri 75 milioni la Provincia autonoma di Bolzano attraverso la propria società Alto Adige Finance S.p.A., nonché il fondo previdenziale Laborfonds. Al fondo potranno aderire poi tutti i fondi di previdenza locali al fine di orientare flussi di risparmio generati dal sistema locale verso investimenti strategici per lo sviluppo del territorio; non ci sono limiti alla partecipazione dei privati. Il Fondo, che avrà un ammontare minimo di 200 milioni di euro, è stato pensato per apportare al sistema economico locale risorse aggiuntive. La società di gestione del risparmio (SGR) chiamata a promuovere, istituire e gestire il Fondo Strategico del Trentino-Alto Adige sarà selezionata mediante gara comunitaria bandita dalla Regione Trentino-Alto Adige-Südtirol.

soldiLe risorse del Fondo saranno destinate al sostegno di piccole e medie imprese mediante la sottoscrizione di strumenti finanziari (mini-bond, project bond, cambiali finanziarie, cartolarizzazioni, ecc.) emessi da imprese aventi sede legale e/o operanti nella Regione, dotate di una buona solidità patrimoniale, di un’adeguata redditività attuale e/o prospettica e di un significativo potenziale di creazione del valore.

La gestione del Fondo dovrà essere improntata al perseguimento di obiettivi «conservativi e non speculativi». Obiettivo del Fondo è quello di infondere una spinta propulsiva per sostenere la crescita di realtà sane e innovative, che a loro volta possano diventare volano di ulteriore crescita e sviluppo del sistema economico locale, risorse aggiuntive per superare la dipendenza delle imprese dal sistema bancario; il suo ammontare minimo sarà di 200 milioni di euro, articolato in due comparti: Trento e Bolzano. La Giunta provinciale intende favorire il massimo incremento della dotazione del Fondo convogliando, almeno in parte, i flussi di risparmio generati dal sistema locale – a cominciare dalla mobilitazione delle risorse dei fondi pensionistici territoriali – verso progetti promossi sul territorio.

Saranno finanziati progetti di investimento e di crescita aziendale, favorendo l’allungamento della durata media delle fonti di finanziamento.

Presupposto normativo è la legge regionale n. 8/2012; con delibera di Giunta regionale n. 184 del settembre 2013 sono state definite le linee guida dello strumento che un gruppo di lavoro congiunto Regione, Provincia di Trento, Alto Adige Finance e Cassa del Trentino ha trasformato negli atti di gara.

Per quanto riguarda i tempi, entro aprile è previsto l’avvio della gara da parte della Regione, entro giugno/luglio è prevista la presentazione delle offerte ed entro settembre/ottobre è prevedibile la stipula del contratto con la SGR aggiudicataria alla quale seguirà l’istituzione del Fondo Strategico Trentino-Alto Adige. La SGR dovrà creare un presidio stabile per ciascuna Provincia.