ROMA – Indice Pmi, a marzo calano le aspettative delle imprese

0

Dal fronte delle imprese europee provengono notizie non del tutto confortanti: l’indice Pmi, secondo le stime flash eseguite da Markit, società internazionale di comunicazione e servizi finanziari, è diminuito quando, invece, si attendeva che il trend al rialzo registrato negli ultimi mesi continuasse.

l43-pmi1-130801101605_mediumL’indicatore composito (che rileva i sentori dei direttori degli acquisti delle imprese in relazione all’andamento del mercato, e che si è sempre rilevato un ottimo anticipatore delle dinamiche economiche) è calato a 52,3 punti rispetto ai 53,3 dello scorso febbraio. L’indice PMI dei servizi di marzo, invece, è sceso a 52,4 punti dai 52,6 punti della lettura precedente.

L’indice Pmi manifatturiero, infine, è sceso a 53 da 53,2 del mese precedente. In ogni caso, il calo non rappresenta una tragedia: i valori dell’indice composito si sono rivelati simili alle previsioni del consenso, pari a 53,1 punti; resta il fatto, inoltre, che sopra i 50 punti si ritiene di essere in presenza di crescita. In definitiva, i dati sono emersi in coerenza con una crescita, nel primo trimestre dell’anno, dello 0,5 per cento.

Fonte: CGIA