BRESCIA – Incontri dedicati all’architettura: è la volta di Emilio Caravatti

0

Nell’ambito del ciclo di incontri dedicato all’architettura italiana, che ha preso avvio lo scoso gennaio e si protrarrà fino al mese di giugno, si terrà un appuntamento con Emilio Caravatti il prossimo 4 aprile, alle 19, presso il Chiostro S. Giovanni Evangelista, in Contrada S. Giovanni 12.

caravatti_02.sizedEmilio Carvatti dopo gli studi al Politecnico di Milano apre il proprio studio a Monza nel 1994, dove opera in collaborazione con il fratello Matteo Caravatti, confrontandosi in prevalenza con progetti di residenza e temi di carattere pubblico attraverso incarichi sia in Italia che all’estero. Tra i più significativi l’ampliamento del palazzo municipale ad Olgiate Molgora, la biblioteca di quartiere a Katì (Repubblica del Mali) il centro scolastico a Bobodioulasso (Burkina Faso) ed un intervento residenziale a Zalau (Romania).

Numerosi i progetti relativi ad edifici pubblici come testimoniato dai riconoscimenti all’opera in concorsi di progettazione; primo premio per il centro civico di S.Giorgio su Legnano, per il centro sportivo di Pizzighettone, la Cattedrale di Bamako nella Repubblica del Mali, il Palazzo del Cinema di Venezia, e per un edificio polifunzionale a Grosio. Le tematiche di progettazione dello studio coniugano l’attività professionale con una particolare attenzione al carattere di comunità delle realizzazioni. Nel 2006 fonda Africabougou Onlus per approfondire e sviluppare progetti di collaborazione con le popolazioni locali in Africa occidentale attraverso la realizzazione di infrastrutture pubbliche in villaggi della savana (Premio Brick AWARD 2010 a Vienna), tra cui ricordiamo la scuola comunitaria a N’tyeani (Menzione premio Arches 2006) ed il dispensario di N’golofalà
(finalista Medaglia d’oro dell’architettura italiana 2009). Emilio Caravatti è professore a contratto presso il Politecnico di Milano in corsi di progettazione architettonica. Tra i lavori in corso si segnalano: il Centro di riabilitazione fisica a Katì nella Repubblica del Mali mentre in Italia, un intervento residenziale a Salsomaggiore Terme, e, a seguito del risultato di competizione internazionale, il progetto di recupero di una vasta area del centro storico per il nuovo Campus della cultura a Vercelli.