BRESCIA – Immigrazione clandestina: professionisti nei guai

0

L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Ambrogio Cassiani, coinvolge 85 persone, tra cui diversi professionisti. Questi avrebbero sfruttato le sanatorie al fine di favorire l’immigrazione clandestina e quindi procurarsi un illecito profitto.

permessoIn Italia per ottenere il permesso di soggiorno gli immigrati devono dimostrare di avere un regolare contratto di lavoro. I professionisti creavano quindi aziende fittizie, alle cui dipendente, sulla carta, gli stranieri risultavano lavorare.

La Procura da oltre un anno stava indagando sulla rete di illegalità celata dietro il meccanismo delle sanatorie. I professionisti, per presentare la domanda, chiedevano in cambio denaro e procuravano ai clandestini documenti falsi.

L’ipotesi della magistratura è che ci sia sotto un passaggio di denaro indebito tra immigrati e colletti bianchi. Una vera e propria truffa, orchestrata con il concorso di diverse persone, forse anche alcuni immigrati.