LUMEZZANE – Il Patarò Rugby Lume si aggiudica il derby contro Rovato

0

Tabellino

Patarò Lumezzane 37 – 3 Rovato

Patarò Lumezzane: Masgoutiere; Scaramella, Costantini, Zaffino (1’st Raza), Savardi (1’st Tamburri), Locatelli, Cittadini (23’ st Bosio); Cuello (25’ pt Bellandi), Cropelli, Rizzotto; Scotuzzi (1’ st Bugatti), Montini; Piciaccia (23’ st Peveroni), Zoli, Vitrani (2’ st Cavagna).Allenatore: Michael Gosling

Rovato: Caravano; Gazzoli, Curione, Valtorta, Pastormerlo, Mangano (3’ st Ceretti), De Carli (6’ st Cestaro); Vezzoli (13’ st, Paganotti), Fimmanò (1’ st Marini), Berardi (23’ st Maffi); Faletti, Stefanini; Masneri (1’ st Corvino), Blagojevic, Tavelli. A disposizione: Mazzotti. Allenatore: Marco Lancini

Arbitro: Barp (Belluno)

Marcatori: Pt: 3’ m Piciaccia, 7’ c.p. Caravano, 9’ c.p. Locatelli, 16’ m Piciaccia tr. Locatelli, 23’ m Rizzotto, 34’ m Cropelli; St: 17’ m Scaramella, 39’ m Masgoutiere tr. Locatelli.

Note: Spettatori: 300; fine pt: 25 -3; Cartellini gialli:22’ st Masgoutiere, Man of the match: Zoli

rugby_lumezzane_logoIl derby bresciano tra il Patarò Lumezzane e il Rovato è durato poco più di trenta minuti. Questo il tempo impiegato dal Quindici di Gosling per centrare l’ottava vittoria consecutiva, per 37-3, e corredarla del punto di bonus offensivo. La strategia architettata dal coach gallese dei valgobbini ha funzionato alla perfezione, il pacchetto di mischia ha rubato terreno ed ovale a quello avversario, l’organizzazione offensiva e difensiva è stata impeccabile. Una giornata così non poteva che chiudersi con una vittoria che lascia il Lumezzane in cima alla classifica. Ben poco ha potuto il volenteroso e coraggioso Rovato di Lancini arrivato al “Rossaghe” per racimolare punti da infilare in classifica e cominciare ad abbandonare la zona retrocessione.

In mischia ed in rimessa laterale i valgobbini hanno cominciato a confezionare l’ottavo successo consecutivo, andando a segno di prepotenza con il pilone Piciaccia, al 3’ e al 16’, dopo aver sgretolato il pack ospite nei due raggruppamenti in piedi impostati da touche.  Dal terzo furto dell’ovale attuato in mischia chiusa dalla prima linea valgobbina,  il mediano Cittadini trova, invece,  lo spunto per eludere il diretto concorrente e lanciare il flanker Rizzotto oltre la linea bianca. Anche la meta che vale il  punto di bonus, siglata dall’altro flanker dei rossoblù, Giulio Cropelli, si deve alla devastante spinta dei primi otto uomini valgobbini, oltre che alla voragine aperta dal terza centro Bellandi (subentrato all’infortunato capitan Cuello) nella difesa ospite. Nel mezzo l’ unico acuto del Rovato, che alla prima incursione nell’area dei 22 del Lumezzane, al 6’, va a segno dalla piazzola con l’estremo Caravano. Risponde immediatamente, però, Locatelli che al 9’ infila l’unico calcio di punizione non giocato della giornata.

Al riposo il Patarò va in netto vantaggio, per 25-3, avendo già realizzato le quattro mete necessarie per il bonus offensivo.

Nella ripresa, coach Gosling stravolge la formazione e concede spazio a tutta la panchina, ma la musica non cambia. Rovato guadagna maggiori percentuali di possesso palla e territorio, ma non riesce a graffiare una difesa solida e organizzata. È ancora il Patarò a raccogliere mete e applausi, nella seconda frazione di gioco con i trequarti. Al 17’,  è Scaramella a finalizzare una vivace azione offensiva. Nel finale, Masgoutiere festeggia la laurea appena conseguita siglando alla bandierina il 37 -3 finale.

Il commento di coach Gosling:

“È stata una partita dura, ma il risultato non è mai stato in dubbio. In mezz’ora abbiamo segnato le quattro mete necessarie per guadagnare anche il punto di bonus. Nel secondo tempo ho lasciato  spazio a tutta la panchina e sono molto soddisfatto di come i ragazzi si sono impegnanti; hanno giocato bene. In mischia chiusa ed in touche siamo riusciti a fare la differenza anche oggi. È un altro passo importante in vista dei play off, anche se ci sono alcuni aspetti da migliorare”.