BIELLA – Open Italia Karate, sette medaglie per la Master Rapid

0

Si è svolta al PalaPaietta di Biella la quindicesima edizione dell’Open d’Italia di Karate con un’affluenza di atleti senza precedenti, oltre 1.500 iscritti nei due giorni di gara aperti sabato con la specialità del Kumite e continuata ieri con la kata, con atleti in rappresentanza di oltre 300 società provenienti anche da molti nazioni straniere. Livello tecnico e tattico elevato, atleti molto preparati si sono affrontati sui sette tappeti di gara dando il meglio, e regalando al pubblico presente un bellissimo spettacolo.

Podio open karatePresente la Master Rapid SKF CBL accompagnata dai maestri Francesco Maffolini, Dario Zanotti e Francesco Landi. Cavalcata degna di nota quella di Oscar Pe che vince quattro incontri consecutivi in una delle categorie più numerose ed agguerrite, i Senior -68 kg, cedendo solo al 5° incontro nella finalissima all’atleta campano Gianluca De Vivo (Nazionale), in un incontro sempre in equilibrio sino a 20 secondi dalla fine quando a seguito di un’azione confusa Devivo riesce a piazzare un mawashigeri prima di essere proiettato a terra e chiuso in maniera vincente da Pe. Nella stessa categoria Bronzo per Gianluca Iovine (Polizia di Stato) e Giuliani Michele (Fiamme Gialle – Guardia di Finanza). Altrettanto prestigioso il piazzamento di Manuel Pe che riesce ad ottenere un argento nella specialità kata nei WKF Cadets mostrando tutto il proprio valore esprimendosi in sei kata strappa applausi.

Benissimo anche i “Master” Francesco Landi e Renato Pelosato che si aggiudicano il podio confrontandosi con avversari molto agguerriti. Ottima prestazione per Andrea Pelamatti che conquista il Bronzo nel Kumite nella categoria Esordienti A. In questo contesto a brillare sono state anche le affermazioni di Omar Poetini, Marco Zucchetti, Simone Mariolini e Nicolò Cretti nel Kumite e Luca Mariolini ed Andrea Pelamatti nel kata, sfortunati “medaglie di legno” cioè quinti posti che rimangono comunque piazzamenti di tutto rispetto anche se lasciano molti rammarichi per i sei podi sfuggiti veramente di un soffio.

Un’ edizione particolare per la squadra agonisti della Master Rapid SKF CBL con tantissime promesse lanciate alla prima gara di livello internazionale. I successi degli atleti la conferma di un livello qualitativo elevato nel settore giovanile, segno di una ricchezza di talenti davvero incoraggiante. Appuntamento ora a venerdì 28 marzo per la consegna dell’Oscar dello Sport Bresciano al maestro Francesco Maffolini ed a Oscar Pe che legittimano con questa ennesima prestazione l’aggiudicazione del prestigioso riconoscimento.