BRESCIA – La Loggia promette un calo delle tasse

0

Più basse rispetto agli ultimi due anni, nel Comune di Brescia, le tasse per i cittadini. Ad affermarlo sono stati l’assessore al bilancio Paolo Panteghini ed il sindaco Emilio del Bono, parlando dell’imminente esordio della Iuc.

bresciaVa ricordato che tale nuova imposta è composta da Tasi, imposta che colpisce la prima casa, Tari, l’imposta sui rifiuti, e l’Imu su altri immobili. A Brescia non pagheranno tale imposta coloro che dichiarano meno di 13mila euro lordi di reddito annuo, per un totale di oltre 52mila contribuenti, pari al 34,74% del totale.

A tale esenzione deve aggiungersi il taglio dell’aliquota Imu, che dal 9 scende all’8 per mille per chi affitta a canone concordato. Panteghini e Del Bono hanno annunciato che l’aliquota base della Tasi sarà del 2,5 per mille, ma non saranno ammesse detrazioni, se non in via eccezionale. Saranno tuttavia esonerati dal pagamento coloro che hanno una prima casa con rendita catastale inferiore a 400 euro. Per le rendite fino a 500 euro sono previsti 100 euro di detrazione, per le rendite da 500 e 700 euro sono previsti invece 50 euro di detrazione. Nessun beneficio invece per gli immobili la cui rendita catastale eccede i 700 euro. Capitolo Tari: si pagherà circa il 10% in meno rispetto al 2013.  L’addizionale Tasi verrà ripartita su tutti gli immobili, al fine di consentire a tutti di pagare di meno.

In totale il gettito previsto dalla Tasi è di 10 milioni di euro, di cui 6,9 milioni dall’Imu su altri immobili. Una riduzione di circa 13,5 milioni, rispetto al 2012.
Il prossimo lunedì 23 marzo il bilancio previsionale 2013 approderà in Consiglio comunale.