ISEO – Torbiere: Il nuovo regolamento porta più rifiuti

0

La pesca e l’abbandono dei rifiuti sembrano essere, paradossalmente, due argomenti concatenati.
Renato Danesi, il presidente di “Azzurra ’85”, società di pesca di Bornato, ha dichiarato: “Siamo convinti che la nostra presenza sul territorio fosse importante anche come supporto al controllo della zona. Soprattutto i nostri volontari, che presidiano quell’area, potevano essere un buon deterrente per certi cattivi comportamenti”.

TorbiereQueste parole sono giunte in seguito alla decisione del Consorzio della Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino di vietare l’introduzione di pesci non autoctoni, per la precisione trote, nelle acque, questa nuova norma è contenuta nel regolamento della Riserva Naturale.

La società di Bornato, da tempo pesca e introduce le trote nel laghetto che si trova sul territorio di Cazzago, si oppone al nuovo regolamento che contiene, oltre  al divieto alla pesca e all’introduzione della trota, una nuova modalità di pesca per la riqualificazione acquatica, conservazione e valorizzazione del patrimonio ittico autoctono.
La società Azzurra difende  la propria condotta, in primo luogo fanno presente che da quando non sono più sul luogo per la pesca l’abbandono di rifiuti è aumentato, aggiungono poi che la loro attività di pesca è ridotta la minimo, quattro giorni a settimana e dieci pescatori alla volta, inoltre  la società garantisce di seguire un regolamento rigido in merito alla tutela del territorio.