BRESCIA – Insediamenti abusivi sulle sponde del Mella: la Polizia locale interviene

0

Bivacchi e insediamenti abusivi, oltre a essere fonte di pericolo per l’incolumità delle persone, rappresentano un’importante causa di degrado urbano. Su questo fronte, l’Amministrazione comunale ha deciso di impegnarsi dando corso ad azioni di controllo e bonifica del territorio.

Al centro dell’operazione condotta l’11 marzo scorso dalla Polizia Locale di Brescia gli insediamenti abusivi che da qualche tempo si trovano sulle sponde del fiume Mella, nella parte nord della città, in particolare sugli argini in prossimità di via Don Vender e via Risorgimento. Nel corso della giornata sono state identificate e allontanate dai luoghi dei controlli 30 persone.

1119585-vigili2Gli agenti delle pattuglie viabilistiche e delle unità speciali hanno fermato cinque persone di nazionalità rumena che vivevano in condizioni estremamente pericolose nelle vicinanze del Mella. I cinque rumeni sono stati poi accompagnati al comando e identificati, mentre una ditta specializzata bonificava l’argine dalle masserizie presenti vicino al fiume.

Altre squadre della Polizia Locale sono entrate nei locali dell’ex fabbrica dell’ossigeno di via Oberdan, trovando un rumeno che è poi stato portato al comando e identificato. Gli accessi al fabbricato abbandonato sono stati successivamente chiusi dagli agenti.

Durante la mattinata sono state fermate due auto, una con targa spagnola e una con targa ucraina, che stazionavano nella zona degli Spedali Civili. All’interno dei veicoli c’erano 11 persone di nazionalità rumena, tra le quali alcuni minorenni. Condotti al comando per l’identificazione e interrogati dagli agenti, hanno rivelato di aver utilizzato come alloggio, negli ultimi giorni, proprio le stanze dell’ex fabbrica di via Oberdan e di essersi da poco allontanati dallo stabile.

La carta di circolazione di una delle automobili è risultata falsa: il veicolo è stato di conseguenza sequestrato e il proprietario denunciato all’autorità giudiziaria. A tre persone, inoltre, è stato notificato il foglio di via.

Infine, nel pomeriggio, a seguito di un controllo nei pressi della stazione ferroviaria, sono stati portati al comando di via Donegani e identificati 13 nomadi, tra cui un minore, e sono stati fermati due veicoli immatricolati in Bulgaria.