BRESCIA – Nuovo sistema di gestione del Durc interno, arrivano i semafori

0

L’Inps, con messaggio n. 2889 del 27.02.2014, informa che è stato innovato il processo di gestione del DURC interno. Il nuovo sistema, operativo da Aprile, presenterà nuove caratteristiche che riassumiamo brevemente.semaforo

La richiesta del DURC interno non sarà più effettuata dal datore di lavoro, bensì dall’Istituto, in qualità di ente tenuto a riconoscere i benefici di legge subordinati alla regolarità contributiva. Con frequenza mensile (approssimativamente verso il 15 di ogni mese), i sistemi informativi centrali interrogheranno gli archivi elettronici dell’Istituto per rilevare eventuali situazioni d’irregolarità incompatibili con i benefici.

Nell’ipotesi in cui non siano rilevate situazioni di irregolarità, sarà immediatamente attivata, all’interno del Cassetto previdenziale, una segnalazione positiva (Semaforo verde), che assume il significato di DURC interno positivo. Nell’ipotesi in cui vengano rilevate situazioni di irregolarità, si attiverà all’interno del Cassetto previdenziale una segnalazione di “allarme temporaneo” (Semaforo giallo) e contemporaneamente verrà inviata al datore di lavoro una comunicazione (detta “preavviso di DURC interno negativo”) tramite PEC recante l’indicazione delle irregolarità riscontrate, l’invito a regolarizzarle entro 15 giorni e l’avvertenza che, decorso inutilmente il termine indicato, sarà generato un DURC interno negativo (Semaforo rosso).

Qualora il datore di lavoro regolarizzi la propria posizione o sia accertata l’insussistenza delle irregolarità, i sistemi informativi centrali attiveranno, all’interno del Cassetto previdenziale, una segnalazione positiva (Semaforo verde), che andrà a sostituirsi al precedente segnale di temporaneo allarme e assumerà il significato di DURC interno positivo.

Qualora, invece, il datore di lavoro non provveda a regolarizzare la propria posizione, i sistemi informativi centrali attiveranno all’interno del Cassetto previdenziale una segnalazione negativa (Semaforo rosso) ed il datore di lavoro non potrà godere dei benefici sino al ripristino della situazione di regolarità.

Tale esclusione riguarderà solo il mese per cui è generato il Semaforo rosso, poiché per il mese successivo i sistemi informativi centrali attiveranno nuovamente la richiesta di DURC interno e la sequenza delle operazioni descritte.

Se l’irregolarità persiste, si attiverà la segnalazione di allarme (Semaforo giallo) e verrà nuovamente inviato – sempre tramite PEC – il preavviso di DURC interno negativo. Se il datore di lavoro regolarizza, si originerà un DURC interno positivo sul nuovo mese considerato.

In attesa delle rotonde, non resta che attenersi ai semafori.