BRESCIA – Segnali di ripresa per il made in Brescia

0

Il 2014 non si è aperto sotto i migliori auspici, ma le aziende bresciane registrano incoraggianti segnali di ripresa. Basti pensare al settore dell’industria manifatturiera che, secondo le rilevazioni dell’indagine congiunturale mensile del Centro Studi Aib, ha registrato a gennaio una significativa crescita.

bilancio00Il made in Brescia rileva quindi segnali di ripresa e ciò fa ben sperare, anche perché le aspettative a breve termine parlano di ulteriori crescite. In particolare, la produzione è risultata in aumento per il 48% delle imprese e l’evoluzione produttiva si inserisce in un contesto nazionale in continui miglioramento. A livello nazionale, infatti, l’indice Pmi manifatturiero si è attestato in area espansione.

La produzione è cresciuta non solo nel settore manifatturiero ma anche per gli operatori dei settori carta e stampa, plastica, gomma, metallurgico e siderurgico, meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche, meccanica tradizionale e mezzi di trasporto. Una tendenza opposta si è invece registrata, sempre avuto riferimento a gennaio 2014, nei comparti agroalimentare e caseario e per le aziende estrattive o produttrici di materiali di costruzione. La produzione è diminuita anche per le aziende che lavorano il legno mentre è rimasta pressoché invariata per le aziende attive nel calzaturiero e nel comparto tessile.

La produzione è incrementata soprattutto nelle aziende medio piccole, sebbene il livello di utilizzo degli impianti sia ancora basso rispetto al potenziale.

A livello nazionale, le vendite hanno subito un modesto recupero, registrato anche negli altri Paesi comunitari. I mercati extracee registrano invece un saldo negativo. Le aspettative a breve termine propendono per un ulteriore recupero dell’attività economica.