BRESCIA – Dal bar AccANTo altri 28mila euro per la fondazione ANT

0

Questa mattina a Brescia, alla presenza del sindaco di Brescia Emilio Del Bono, i volontari del Bar AccANTo hanno consegnato alla Fondazione ANT un assegno di 28 mila euro, frutto di un anno di attività del bar del Centro Sportivo Badia gestito dagli amici della Fondazione. Ammonta così a circa 100 mila euro la cifra totale che dal 2009 – anno di apertura del locale, dopo un accordo di collaborazione tra la Circoscrizione Ovest e i volontari della Delegazione ANT di Brescia – ad oggi è stata destinata all’assistenza domiciliare oncologica gratuita della Fondazione ANT.

I 28.000 euro raccolti durante il 2013 si aggiungono ai 10.000 euro del 2009, 13.000 del 2010, 20.000 del 2011 e 24.000 del 2012. L’incremento degli incassi dimostra una crescente affezione dei cittadini bresciani e soprattutto degli abitanti dei quartieri limitrofi, che hanno fatto del Bar AccANTo un punto di ritrovo e aggregazione.

Devol_BarAccANTo_sindacoIn questi cinque anni di attività il Bar AccANTo ha inoltre organizzato diversi eventi per divertire adulti e bambini: spettacoli di pattinaggio e cabaret, serate danzanti di ballo liscio e latino-americano, concerti di musica leggera, punk-rock e rap, country e dialettale, trucca bimbi e animazione. Il bar ha anche ospitato cantanti e gruppi musicali bresciani molto apprezzati dal pubblico, come Piergiorgio Cinelli, Dellino Farmer, Graziano Bini, Daniele Gozzetti, Cristiano Saleri, Alan Farrington, i Macc de le Ure, i Malghesetti, Daniel Adomako e tanti altri.

Il prossimo appuntamento al Bar AccANTo sarà per sabato 15 marzo – alle 21 – con l’evento “Tributo ai Nomadi” organizzato dal gruppo AtoMika, che si alternerà sul palco con musicisti di varie cover band del territorio, per presentare i brani di successo del gruppo emiliano. La serata sarà aperta da Casual Quartet, che ripropone canzoni pop-rock straniere e italiane in chiave acustica. L’evento nasce dal desiderio dei membri di AtoMika e di altri amici di contribuire a risollevare le sorti del bar dopo il furto subìto il mese scorso che ha causato un danno di oltre 1.000 euro.
Andrea Longo, segretario provinciale ANT e presidente dell’Associazione accANTo all’ANT, ha precisato: “Il Bar AccANTo è la dimostrazione di come sia possibile realizzare qualcosa di concreto a favore di una causa di solidarietà a cui si è legati. Decine di persone eccezionali hanno dato il proprio sostegno donando il proprio tempo libero. Grazie a loro il Bar accANTo aiuterà ANT e le centinaia di famiglie bresciane a gestire il dramma della malattia tra le mura domestiche, accompagnati da un’équipe sanitaria specializzata e dedicata. Grazie di cuore a tutti i volontari e ai sostenitori che hanno permesso tutto questo! Per di più nel 2013 abbiamo superato ancora una volta noi stessi raccogliendo ben 28.000 euro per ANT (4.000 in più dell’anno scorso) e investendo una quota ulteriore di ricavo per comprare attrezzatura necessaria alla realizzazione degli eventi e per migliorare i locali del bar”.

Federica Panizza, vice-delegata ANT, ha sottolineato: “I volontari impegnati nella raccolta fondi sono la vera linfa vitale di ANT. Senza il loro cuore e la loro disponibilità non si riuscirebbe a reperire abbastanza risorse economiche per supportare i costi del servizio domiciliare. Ringrazio l’amministrazione comunale che, rinnovando la collaborazione intrapresa con la Circoscrizione Ovest, ci permette di avvicinare i cittadini al volontariato”.