SAREZZO – Diego Toscani si lancia, dall’Asvt a candidato sindaco centro sinistra

0

E’ stato presentato sabato scorso all’ultimo piano di Palazzo Avogadro il candidato sindaco per il centro sinistra di Sarezzo per la lista “Popolari e democratici” che concorrerà alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio. Si tratta di Diego Toscani, 42 anni, personaggio molto conosciuto in tutta la Valtrompia vista la sua carica di presidente di Asvt, l’Azienda Servizi Valtrompia. Toscani è sposato con Bettina e ha due figli, Davide di 13 e Tommaso di 7 anni. Laureato in Economia e Commercio a Brescia nel 1996, il candidato primo cittadino durante gli studi ha collaborato per diverse testate giornalistiche e attualmente riveste il ruolo di addetto stampa dell’Associazione Italiana Sommelier di Brescia.

ToscaniDiego Toscani nel ruolo di imprenditore ha svolto lo Junior marketing manager per il gruppo francese Groupe Couzon, nel 1998 ha ideato Hops tra i primi micro birrifici in Italia prima di fondare Promotica nel 2003 e l’agenzia di comunicazione “Demo” nel 2007. Dal 2008 è presidente di Asvt, la multiutility che gestisce il ciclo idrico integrato, la raccolta dei rifiuti e la distribuzione del gas metano. Ma come ha precisato il diretto interessato durante la presentazione della candidatura, dopo il via libera al bilancio del 2013 della società, rimetterà il mandato ai soci.

Insieme a questi incarichi c’è spazio anche per la presidenza alla Filarmonica Santa Cecilia di Sarezzo che contiene 70 elementi e un’accademia musicale da 200 allievi. Per Toscani, che si lancia nella candidatura alla poltrona di primo cittadino saretino, non si tratta della prima esperienza politica, visto che al suo attivo ha avuto un incarico come consigliere comunale dal 1995 al 1999 e assessore al Bilancio dal 1999 al 2007. Il suo rilancio in un ruolo che per i cittadini è il punto di riferimento più importante è stato “benedetto” dal sindaco uscente Massimo Ottelli, non più ricandidabile dopo il doppio mandato.

“E’ stata una scelta mirata e che garantirà continuità – ha detto Ottelli alla presentazione – vista la sua caratura a livello politico e civile”. Ma quali sono le aspirazioni del candidato sindaco? Per il programma e la lista dei consiglieri bisogna ancora attendere, ma Toscani sembra avere già un’idea di come dovrebbe essere il suo Comune ideale. “Vorrei un ente ancora più snello e all’insegna del risparmio – ha detto – e per dare risposte a tutti non voglio essere solo: c’è bisogno di una rete tra Comune, associazioni, volontari e oratori per un programma condiviso”.