CLUSANE – Impatto ambientale del villaggio turistico, Legambiente: “Salvare il salvabile”

0

Il principale intento di Legambiente Basso Sebino è di limitare i danni il più possibile e citando le parole di Dario Balotta, “salvare il salvabile”, prosegue poi il presidente di Legambiente: “Abbiamo esaminato il progetto approvato dal comune ma non abbiamo preso decisioni, l’accordo con Costa Verde è di ritrovarci tra quindici giorni”.

attenzione-rospi

La scorsa settimana Costa Verde e Legambiente si sono incontrati per discutere del progetto di un villaggio turistico che dovrebbe sorgere su un’area tra Clusane e Paratico, la zona in questione è molto importante per Legambiente in quanto ultimo corridoio ecologico tra monte e lago, area che interessa la migrazione dei rospi “Bufo Bufo”.

Le piogge e le temperature miti hanno anticipato la lor migrazione di un mese, cogliendo di sorpresa i volontari che si occupano del salvataggio degli esemplari dall’attraversamento della provinciale Paratico -Iseo.

Ogni anno i rospi attraversano il corridoio per andare ad accoppiarsi nel canneto vicino al lago.
Durante l’incontro si è discusso del modo migliore per limitare al massimo l’impatto ambientale del villaggio.

Costa Verde ha precisato di avere tutte le autorizzazioni necessarie per il villaggio, e una convezione con il comune di Iseo firmata nel 2006.
Il progetto Costa Verde prevede la ostruzione di bungalow su un’area di 13.500 metri quadri verso Clusane, mentre  31.500 metri quadri verso Paratico resteranno liberi.
La superficie coperta è di 2.500 metri quadri, sulla strada Paratico-Iseo saranno realizzati 48 posti auto, saranno piantati alberi e sarà lasciato un percorso per camminare in riva al canneto.