MONTE PORA (BG) – Alpino, Coppa Europa: vince Eva Maria Brem. Terza l’Italia

0

Dopo la delusione di ieri per l’annullamento della prima giornata di gare della tappa Monte Pora dell’European Cup femminile di sci alpino, nel Gigante di oggi trionfa l’Austria, sul gradino più alto del podio con Eva-Maria Brem. Seconda e terza posizione rispettivamente all’austriaca Stephanie Brunner e all’italiana Nicole Agnelli. Quarta posizione per un’altra austriaca, Stefanie Koehle. Quinta la tedesca Susanne Weinbuchner. Ottimo piazzamento per la giovanissima Roberta Melesi dello Sci Club Radici Group con un sesto posto. Stephanie Brunner, oltre a salire sul secondo gradino del podio, realizza il miglio tempo nella categoria Juniores.

podioCondizioni meteo finalmente buone oggi al Monte Pora, per la tappa bergamasca di Coppa Europa femminile di sci alpino. Un appuntamento, dedicato all’imprenditore e grande sportivo Fausto Radici, organizzato per il sesto anno consecutivo dallo Sci Club Radici Group in collaborazione con la società impianti Monte Pora. Dopo un primo posticipo e la delusione di ieri per l’annullamento della prima giornata di gare, causa acqua e neve, il Gigante di oggi ha visto trionfare sui tre gradini più alti del podio Austria e Italia. Premiate con i trofei PERCASSI e IVS-ITALIA le prime 6 atlete classificate.

Il trofeo RIBES-REVALUTA ha invece premiato la prima classificata della categoria Juniores. Ad imporsi è stata Eva-Maria Brem, già nella top venti della classifica di specialità in Coppa del
Mondo, che conquista il primo posto con un tempo di 1’33.72. Con 1’33.88 è un’altra austriaca, Stephanie Brunner ad aggiudicarsi il secondo posto, seguita dall’italiana Nicole Agnelli che
realizza un fantastico 1’34.04. Seguono: l’austriaca Stefanie Koehle, quarta con 1’34.06 e la tedesca Susanne Weinbuchner, quinta con un tempo di 1’34.27.

Ottimo piazzamento per Roberta Melesi, classe 1996, atleta che milita nello Sci Club Radici Group. La giovanissima sciatrice ha realizzato un sesto posto nella classifica generale con 1’34.37. «Avversarie davvero forti oggi, ma sono finalmente riuscita a fare bene. Le condizioni della pista erano ottime, una neve bellissima e per questo ringrazio chi ogni volta dedica tempo ed energia per permetterci di sciare nelle condizioni migliori. Voglio dire grazie anche ai miei allenatori, questo risultato oggi lo dedico a loro.»

Ci sono 5 altre italiane tra le prime venti della classifica: Karoline Pickler, classe 1994, decima con un tempo di 1’34.54. Dodicesima posizione con 1’34.69 per la fuoriclasse bergamasca Michela Azzola, atleta che sulle nevi del Pora ha disputato le sue prime gare da piccola. «È sempre bello tornare sulle piste di casa» – ha commentato la Azzola – «soprattutto disputando come oggi una gara di Coppa Europa. Ottime le condizioni della pista, nella prima manche ho fatto qualche errore di porta, avrei potuto fare meglio, ma sono soddisfatta.» Sabrina Fanchini, classe 1988, si piazza tredicesima con 1’34.70 seguita da Anna Hofer con 1’34.71. In diciottesima posizione c’è Camilla Borsotti che realizza un tempo di 1’35.08. «Una Coppa Europa davvero impegnativa quest’anno viste le pessime condizioni meteo dei giorni scorsi» – ha affermato Ernesto Borsatti, Vice Presidente Vicario e Direttore Tecnico dello Sci Club Radici Group – «ma il Gigante di oggi ci ha ripagato di tutti gli sforzi. Le condizioni della pista, la Fausto Radici, erano davvero ottime. Per ragioni tecniche abbiamo abbassato la partenza, accorciando la pista di 12 porte, dalle 44 iniziali siamo scesi a 32. I feedback da parte delle atlete sono stati assolutamente buoni, la pista ha tenuto in modo fantastico in tutte e due le manche. Dall’inizio sino alla fine delle gare, la qualità della neve è rimasta ottimale, permettendo così alle ragazze di esprimersi al massimo in termini di performance tecniche. Ed è questo che conta davvero per noi organizzatori, ciò che ci ripaga di tutte le fatiche.»

Soddisfatta la Presidente dello Sci Club Radici Group, Olga Zambaiti Radici: «Anche quest’anno ce l’abbiamo fatta a portare a casa queste gare di Coppa Europa. Con un po’ di amarezza per l’annullamento del Gigante di ieri, ma il bilancio complessivo è certamente positivo. La gratificazione più grande per noi, è quella di riuscire a soddisfare le aspettative di chi, affidandoci l’organizzazione di questo evento, ci ha dato fiducia. Quest’anno c’è poi un ulteriore motivo di orgoglio: il bellissimo risultato ottenuto dalla nostra Roberta Melesi. Siamo davvero fieri di lei. Come sempre poi il mio grazie va a tutta la macchina organizzativa che ci ha permesso ancora una volta di riportare il grande sci sulle nevi bergamasche. Un ringraziamento speciale ai nostri sponsor, tra cui Percassi, IVS e RIBES, senza i quali non potremmo organizzare eventi di livello internazionale come questo. E adesso ci prepariamo perla prossima sfida: un’altra Coppa Europa, magari ancora femminile, sul nostro territorio.»