TRENTO – Al via il treno della memoria

0

Riparte anche quest’anno il progetto “Treno della Memoria” che darà la possibilità a 450 ragazzi della provincia di Trento di visitare i campi di concentramento e sterminio di Auschwitz/Birkenau. L’incarico di organizzare per quest’anno il progetto “Treno della Memoria” è stato affidato all’associazione “Terra del fuoco” di Torino. I partecipanti al progetto saranno individuati dai Piano Giovani di Zona della provincia di Trento: ogni Piano avrà a disposizione un numero minimo di posti calcolato in base ai residenti nei comuni che compongono ciascun Piano.

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Il “Treno della Memoria”, giunto alla sua sesta edizione trentina, è un percorso di conoscenza, educazione alla storia e cittadinanza attiva rivolto a giovani tra i 17 e i 24 anni. Il percorso educativo del “Treno ” è mirato alla conservazione della memoria storica della seconda guerra mondiale, della Shoà e della persecuzione nazista in generale. Nelle precedenti edizioni esso ha riscontrato un enorme interesse tra i giovani trentini, che hanno risposto numerosi alla possibilità di effettuare un viaggio in treno verso Auschwitz e di vivere così in modo collettivo un’esperienza di immersione nella storia e nel dramma della persecuzione nazista e dello sterminio degli ebrei.

Gli obiettivi del progetto sono: educare i giovani alla conoscenza della seconda guerra mondiale e della Shoa, per comprendere meglio il presente e per evitare di ripetere gli errori commessi nel passato; sensibilizzare le nuove generazioni alla partecipazione attiva nella quotidianità della storia e responsabilizzarli; educare all’impegno affinché si crei sul territorio una rete di giovani agenti attivi nella società civile, sensibili soprattutto sui temi della giustizia sociale, della legalità e dei diritti civili.

All’associazione “Terra del fuoco”, che s’è già occupata dell’organizzazione del “Treno” negli anni precedenti, viene chiesto di svolgere il progetto in tre “tappe”. Un primo momento consistente in un percorso educativo teso a preparare i giovani partecipanti al viaggio sui temi della Storia, della Memoria, della Testimonianza. Il secondo momento è il viaggio vero e proprio, che avrà luogo dal 20 al 26 marzo 2014 in treno charter, con visita ai campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau (Cracovia) e con ulteriori attività educative, culturali e di aggregazione. Entro la fine della primavera (ed è il terzo momento) verrà ultimato il percorso educativo successivo al viaggio, che avrà lo scopo di raccogliere ed elaborare le riflessioni, le analisi e le testimonianze dei giovani partecipanti e di restituire al territorio l’esperienza vissuta.

Per iscriversi al Treno della Memoria bisogna fare riferimento al Piano Giovani di Zona cui il comune di residenza aderisce, contattando il referente tecnico che fornirà i documenti di
iscrizione e spiegherà le modalità di accesso al progetto. Quest’anno, infatti, i partecipanti verranno individuati tramite estrazione a sorte, indipendentemente dall’ordine cronologico di consegna dell’iscrizione. Questo criterio è valido per tutti i Piani giovani di Zona. Le iscrizioni sono aperte dal 10 a 20 febbraio 2014.

Per partecipare al Treno della Memoria ci sono comunque alcuni requisiti di base: un’età compresa tra i 17 e i 24 anni, essere residenti nel Piano giovani di Zona di riferimento, non aver partecipato a precedenti edizioni del Treno della Memoria o ad altre iniziative
promosse direttamente dall’Amministrazione provinciale, essere disponibili a pagare la quota di partecipazione di 100 euro. Altri requisiti possono essere previsti dai singoli Piani giovani.

Infine, si può partecipare al treno anche come educatori. In questo caso è necessario avere tra i 23 e i 35 anni, essere disposti a seguire l’tutto il percorso formativo per educatori e con i ragazzi e segnalare la propria disponibilità sempre al referente tecnico del Piano giovani di zona di riferimento entro l’11 febbraio 2014.

Per informazioni il sito: http://www.politichegiovanili.provincia.tn.it/ oppure tel. 0461497200.