BRESCIA – Pederzani (Pro Lombardia): “Indipendenza è soluzione”

0

Abbiamo ricevuto in redazione e pubblichiamo la lettera di Dario Pederzani, attivista del movimento Pro Lombardia Indipendenza di Brescia, a proposito della situazione politica.

Pro Lombardia Indipendenza è un movimento politico che propone la nascita di una Lombardia indipendente nel cuore dell’Europa, una Lombardia moderna e federata al suo interno, in linea con la sua secolare tradizione Comunale. Solo con la nascita di uno Stato lombardo indipendente i cittadini Lombardi si potranno finalmente liberare da uno Stato corrotto e predatorio come quello italiano. Infatti la Lombardia è una delle regioni più industrializzate d’Europa ma subisce da parte dello Stato Italiano una vera e propria spoliazione fiscale, dimostrata dai dati sul residuo fiscale (la differenza tra le tasse pagate e ciò che lo stato restituisce sotto forma di servizi, prestazioni e investimenti): il residuo fiscale lombardo nel 2012 è stato di 56 miliardi di euro, vale a dire che ogni cittadino lombardo (compresi neonati e bambini) ha vantato un credito verso lo Stato di 5.600 euro annui, una schiavitù fiscale che non ha paragoni in Europa.

Pro Lombardia logoUno Stato Lombardo indipendente, non solo metterebbe fine al nostro status di schiavi fiscali, ma ci consentirebbe finalmente di decidere sul nostro futuro: nel mondo odierno i paesi che funzionano meglio e dove è riscontrata una migliore qualità della vita sono quelli di piccole dimensioni; una minore popolazione rende più semplice l’attuazione della democrazia diretta che, attraverso la partecipazione diretta dei cittadini alla gestione della cosa pubblica, garantisce una gestione più equa, responsabile e trasparente delle risorse pubbliche, con un senso civico che trova un terreno fertile per espandersi e radicarsi (come nella vicina Confederazione Svizzera). Chiediamo indipendenza e non autonomia: “autonomia” significa chiedere mentre “indipendenza” significa decidere. Per la prima occorre chiedere al Parlamento romano un permesso che va totalmente contro gli interessi di quest’ultimo e quindi sarà negato, mentre per la seconda solamente i cittadini lombardi possono imporre la loro sacrosanta volontà: come? Armati di carta e penna. Pro Lombardia Indipendenza vuole che si eserciti il diritto all’autodeterminazione, cioè il diritto di un popolo di decidere del proprio destino; un diritto che è tutelato dalla comunità internazionale e riconosciuto dallo stato italiano:

– Articolo 10, comma 1 della costituzione italiana: “L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute.”
– Lo stato italiano sottoscrive il diritto all’indipendenza di un Popolo (Patto di New York, L. 881/1977).
Il diritto all’autodeterminazione potrà essere esercitato attraverso un referendum che verrà svolto nella sola Regione Lombardia e al quale potranno votare tutti i cittadini residenti nella regione: saranno i cittadini Lombardi (e non qualcun altro) a decidere del proprio avvenire.
Nel corso dell’ultimo secolo i processi indipendentisti si sono susseguiti e moltiplicati soprattutto in Europa dove è in atto una profonda crisi degli Stati nazionali ottocenteschi, creati artificialmente con la forza militare e costituiti da decine di milioni di persone: basti pensare che nel 1900 esistevano al mondo 61 Stati nazionali mentre oggi se ne contano ben 195.

Molti popoli in Europa stanno percorrendo la stessa strada, Bretagna, Corsica, Süd-Tirol, Fiandre, Paesi Baschi, ma soprattutto Scozia e Catalunya dove è già stato indetto un referendum per l’indipendenza rispettivamente dal Regno Unito (18 settembre 2014) e dallo Stato spagnolo (9 novembre 2014).
In conclusione, è palese che le alternative che i cittadini lombardi possono scegliere sono soltanto due:
– continuare a far parte dello Stato italiano e foraggiare a fondo perduto la sua corruzione e clientelismo a discapito della nostra società;
– scegliere la via democratica e pacifica dell’indipendenza, come molte altre realtà europee stanno facendo.
Sostenere Pro Lombardia Indipendenza significa dare forza all’unico programma di salvezza per i nostri Comuni e la nostra Lombardia, per una Lombardia indipendente e sovrana.