TRENTINO – San Lorenzo Dorsino, Valdaone e Predaia: tre nuovi Comuni nati da fusioni

0

Via libera dalla Giunta alle prime fusioni di Comuni – dopo quelle, già concluse, dei municipi di Ledro e Comano Terme – nell’ottica della futura revisione dell’impianto istituzionale delle Comunità di Valle. Con una delibera firmata dall’assessore alla Coesione territoriale, urbanistica, enti locali ed edilizia abitativa Carlo Daldoss, il governo provinciale ha espresso parere positivo all’istituzione, mediante fusione, di tre nuovi Comuni: San Lorenzo Dorsino, Valdaone e Predaia.val-daone-46f45d36-bffb-4990-bb23-39b56546358bDue delle tre aggregazioni riguardano il territorio della Comunità delle Giudicarie, dove a fondersi sono da un lato i due comuni di Dorsino e San Lorenzo in Banale, che daranno vita al Comune di “San Lorenzo Dorsino”, dall’altro i comuni di Bersone, Daone e Praso dalla cui fusione prenderà vita il nuovo Comune di “Valdaone”. La terza aggregazione tocca la Val di Non, con la fusione di ben cinque municipi, quelli di Coredo, Tres, Taio, Vervò e Smarano, che porterà alla nascita del nuovo Comune di “Predaia”.

Come si ricorda nella delibera, la costituzione di nuovi Comuni va considerata come un positivo passo verso la semplificazione del quadro istituzionale e risponde all’esigenza di creare migliori condizioni organizzative e di governo del territorio, razionalizzando i servizi ed operando risparmi sui relativi costi.

Il parere positivo della Giunta provinciale sarà ora trasmesso, unitamente alla domanda di costituzione dei nuovi Comuni a firma congiunta dei sindaci interessati, alla Giunta regionale, che fisserà la data dei referendum consultivi che si terranno presumibilmente in primavera e che risulteranno validi se si recheranno al voto almeno la metà più uno degli aventi diritto. Qualora la proposta di nuovo Comune raccolga il consenso di almeno la metà più uno dei votanti, la Giunta regionale istituirà con legge i nuovi Comuni, che inizieranno formalmente ad operare come tali dal 1 gennaio 2015 sotto la guida di un commissario straordinario fino alla data delle prossime elezioni comunali, che si terranno nel maggio 2015.