BOLGATE – Uccisione 27enne a Bolgate: autopsia secretata

0

L’episodio in questione risale ai mesi scorsi, 23 novembre, tre ladri, in seguito ad una rapina in un bar di Villongo sono fuggiti.
Trovandosi di fronte ad un posto di blocco dei carabinieri, non hanno rispettato l’alt, il ragazzo alla guida ha investito il carabiniere che nella caduta ha fatto accidentalmente partire un colpo di pistola che in un primo momento sembrasse fosse la causa della morte del giovane 27enne alla guida, il proiettile lo aveva colpito sotto la scapola sinistra il conducente, uscendo all’altezza della clavicola e andando a impattare sulla mandibola. Il 27enne aveva poi perso il controllo della vettura, andata a schiantarsi contro un cartello stradale.
I due complici erano riusciti a fuggire a piedi. I tre carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Bergamo ora sono indagati in un’inchiesta  per omicidio colposo ed eccesso colposo di legittima difesa.

Sul luogo dell’incidente sono stati ritrovati altri 8 bossoli di pistola, i carabinieri avevano già dichiarato di aver sparato, ma in aria, altri colpi d’arma da fuoco.Carabinieri

In seguito ad ulteriori analisi compiute dai Ris, si è scoperto che il proiettile che ha colpito il guidatore non proveniva dall’arma del carabiniere investito ma da un altro carabiniere presente sulla scena del posto di blocco.
L’autopsia fatta sul 27enne, doveva stabilire  se la causa del decesso fosse dovuta dal proiettile o dal successivo schianto dell’auto contro un cartello stradale, in quanto il corpo aveva l’osso del collo rotto.
L’esito dell’autopsia si trova in procura ma il pm ha deciso di secretare gli atti, per esigenze investigative.