SAREZZO – Cade il soffitto della scuola “La Pira”, nessun ferito

0

Tanto spavento ma, fortunatamente, nessun ferito. Una porzione di soffitto della 3C della scuola media “Giorgio La Pira” di Sarezzo si è staccata durante la lezione di Lettere. I primi rumori hanno fatto pensare al terremoto, quindi la professoressa Patrizia Augugliaro ha immediatamente ordinato agli alunni di ripararsi sotto i banchi. Constatato quanto stava per accadere, ha poi disposto l’evacuazione della classe. E’ accaduto che calcinacci e detriti del soffitto si sono staccati, caso fortunato che il materiale sia caduto sul pavimento in un angolo dove non ci sono banchi, pertanto nessun si è fatto male.

La 3C dove sono caduti i calcinacci
La 3C dove sono caduti i calcinacci

L’episodio ha però allertato il personale della scuola che ha provveduto a trasferire i 445 ragazzi delle 19 classi nella palestra sottostante. Pronto l’intervento dei Vigili del Fuoco di Brescia, dei carabinieri e di un’autolettiga in caso di necessità. Ma, come detto, non c’è stato alcun bisogno di cure. Il sindaco Massimo Ottelli con i funzionari dell’ufficio Tecnico guidati da Alessandro Anelotti insieme ai rappresentanti dei genitori e gli insegnanti hanno quindi avviato un summit durante il quale, alla luce dei rilievi fatti dai Vigili del Fuoco, sono stati decisi interventi di somma urgenza che richiederanno lavori di messa in sicurezza delle 19 classi interessate.

Ci vorranno due mesi per i lavori che prevedono l’installazione di alcune reti di rafforzamento alle solette. Il costo sarà di alcune centinaia di migliaia di euro che l’amministrazione potrà utilizzare così come previsto nei casi di somma urgenza. Nel frattempo, vacanze forzate da sabato a lunedì per i 445 studenti della media che riprenderanno le lezioni martedì. E’ previsto un trasloco temporaneo, come ha informato il dirigente scolastico Mariano Stanislao. 16 classi troveranno spazio nel seminterrato della scuola stessa, mentre le rimanenti tre saranno ospitate nei locali dell’oratorio di Sarezzo grazie alla disponibilità data dal parroco don Camillo.