ONO SAN PIETRO – Pasquale Iacovone trasferito nel carcere di Opera

0

La moglie lo aveva denunciato una decina di volte per stalking ma le sue denunce non sono bastate per scongiurare la tragedia; tragedia che s’è consumata lo scorso 16 luglio quando Davide e Andrea, rispettivamente di 12 e 9 anni, sono morti bruciati per mano del padre.

Il funerale dei due fratellini
Il funerale dei due fratellini

 

Pasquale Iacovone dal carcere bresciano di Canton Mombello, nel quale si trovava da qualche giorno, dopo essere stato dimesso dalla struttura ospedaliera padovana dove era in cura, è stato trasferito a Opera, nel milanese. Il trasferimento è stato disposto su richiesta dell’avvocato di lui che, in sede di interrogatorio di garanzia del suo assistito, aveva sottolineato l’inadeguatezza della Casa Circondariale di Brescia rispetto alle condizioni di salute di Iacovone.

Gerardo Milani, difensore del papà di Ono San Pietro, ha spiegato che il suo assistito non è autonomo ed ha bisogno di cure specifiche. Adesso l’uomo si trova in isolamento nel reparto di medicina. Il pm che si occupa del procedimento Eliana Dolce sottolinea che le esigenze cautelari sono dettate da un rischio di reiterazione “eccezionale”, dal momento che ha un “immutato astio” per la ex moglie Erica Patti.