BRESCIA – Fatturato cresce in un anno dello 0,4%. Ordinativi salgono a +3%

0

Finalmente, il fatturato dell’industria italiana, torna a crescere, seppur molto lievemente. A novembre 2013, come ha rilevato l’Istat, si è determinato un incremento, al netto della stagionalità, dello 0,9% rispetto al mese precedente. La maggiorazione c’è stata sia sul mercato interno che su quello estero.

industria-stallo-fatturato

 

Negli ultimi tre mesi, poi, l’indice è aumentato di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. In particolare, il fatturato estero ha segnato un +1,7%, mentre in quello interno la variazione è stata pari a zero.

Considerando, invece, gli effetti di calendario – a novembre 2012 i giorni lavorativi sono stati 21, a novembre 2013, 20 – il fatturato complessivo aumenta, su base annua, dello 0,4%, con un calo dell’1,8% sul mercato interno ed un incremento del 4,8% su quello estero.

Su base congiunturale, poi, va segnalato l’aumento dei beni strumentali pari al +3%, dei beni intermedi e dell’energia, entrambi a +,7%, e un calo dei beni di consumo pari a -0,4 punti percentuali.

Se prendiamo in considerazione, invece, l’indice grezzo del fatturato, l’Istituto di statistica registra un calo, su base annua, dal 2,7% imputabile, prevalentemente, alla componente interna dell’energia.

L’incremento più importate per il fatturato si ravvisa nella produzione di prodotti farmaceutici, dove l’aumento è stato dell’8,3%; il calo più significativi, invece, è stato nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, dove si è ridotto del 16,2%.

In relazione, infine, agli ordinativi totali, c’è stato un aumento su base mensile del 2,3%, derivante dalla somma tra ordinativi interni (+4,1%) e ordinativi esteri (-0,4%). L’indice grezzo degli ordinativi, rispetto a novembre dello scorso anno, è salito del 3,0%.

Fonte: CGIA