GRUMELLO – 27enne ucciso in seguito ad una rapina: svolta nelle indagini

0

La vicenda accadde nel novembre 2013, tre albanesi, in seguito ad una rapina in un bar a Villongo,  fuggono, i carabinieri  inseguendo i tre, di fronte l’automobile chiedono al guidatore di fermarsi, l’auto, dopo aver rallentato è ripartita investendo il carabiniere, che ha riportato una contusione al polso e alla mano destra e una distorsione del ginocchio destro.Carabinieri

Dalle prime indagini era risultato che dalla pistola del carabiniere, mentre cadeva a tera fosse partito un colpo, che avrebbe ucciso il giovane 27enne albanese di Grumello del Monte che si trovava alla guida.
Il giovane era stato colpito dal proiettile, secondo l’autopsia, alla scapola sinistra, con una traiettoria dal basso verso l’alto, uscendo all’altezza della clavicola e colpendo la mandibola.

La vicenda ha avuto un colpo di scena, dalle analisi effettuate dai Ris è emerso che il proiettile che ha ucciso il 27enne non è partito dalla pistola del carabiniere ferito ma dall’arma di un altro carabiniere.