BRESCIA – Lavoro: 400mila euro dalla provincia per over 45 e 55

0

L’assessorato al Lavoro della Provincia di Brescia, nell’ambito del progetto ‘Concretamente’ nato nel 2011 da un accordo con la Regione Lombardia, ha indetto un bando che si rivolge a 50 over 45 disoccupati da almeno un anno e agli over 55 rimasti senza lavoro.

???????????????????????????In particolare sono stati stanziati 400mila euro che, in caso di ricollocazione di un lavoratore avente le caratteristiche su menzionate, andranno devoluti ai soggetti coinvolti. L’agenzia privata accreditata riceverà un incentivo di 1200 euro per la sua attività di intermediazione, l’azienda che assume avrà 5mila euro lordi per un contratto a tempo indeterminato full time o part time ovvero 2600 euro lordi per un contratto a tempo determinato di durata non inferiore ai 12 mesi. Ed i disoccupati avranno un lavoro.

I finanziamenti saranno erogato alla fine dell’anno, a rendicontazione avvenuta, e potrà aggiungersi uno stanziamento di 1300 euro per la formazione o l’affiancamento di un tutor. Le doti possono essere prenotate dagli enti proposti entro le 12 del 30 giugno.

L’assessore comunale Giorgio Bontempi s’è detto soddisfatto dell’iniziativa, seppur rammaricato del fatto di non poter fare di più. Ha spiegato che ci sono infatti 200milioni di euro bloccati dal patto di stabilità. Bontempi preannuncia però altri due bandi in uscita, quello per l’assunzione dei precari ed i voucher per i Comuni che chiamano per progetti temporanei chi è rimasto senza un impiego. Si tratta di azioni di sostegno importanti in momenti economicamente difficili come quelli attuali, la cui gravità è testimoniata dai numeri elaborati dai centri per l’impiego dislocati nel bresciano. Nel terzo trimestre del 2013 sono state circa 15mila le disponibilità immediate presentate e secondo i dati raccolti si tratta soprattutto di giovani. I licenziamenti, in questi tre mesi, sono stati circa 50mila ed hanno superato le assunzioni, che solo per il 17% sono state a tempo indeterminato. Rispetto al 2012 le assunzioni sono calate del 5%, ma la percentuale sale al 29% se si ha riguardo ai giovani sotto i 29 anni.

Il calo delle assunzioni nel confronto col 2012 si calcola attorno al 5% di media che diventa un meno 12% per gli stranieri, un meno 29% per gli under 29 anni.