BRESCIA – Presentato il libro “Rugby World Cup 2011-New Zealand”

0

…Sant’Agostino diceva che il mondo è un meraviglioso libro e chi non viaggia ne legge solamente una pagina… Ed è proprio nella sala Sant’Agostino in Broletto che venerdi 10 gennaio alle ore 11.00 a Brescia è stato presentato il libro “RUGBY WORLD CUP 2011 – New Zealand”, scritto dall’Ing. Roberto Mondini e Patrocinato  dalla Federazione Italiana Rugby. La presentazione è stata a cura di Evelyn Zanola (scrittrice) e Denis Venturi (collaboratore di Radio Vera- Radio Bruno Brescia).

trophy_2034678c

 

A questo importante evento si sono susseguiti svariati interventi; significativo quello dell’Assessore alla Cultura ed al turismo della provincia di Brescia Silvia Razzi, la quale tra l’altro in questi giorni è stata contattata dalla squadra di Rugby del carcere di Frosinone, dove verrà organizzata una presentazione a breve del testo.

Presenti anche rappresentanti della Federazione Italiana Rugby  tra cui  Angelo Bresciani – presidente dl comitato regionale lombardo della Federazione Italiana Rugby (per conto del presidente nazionale Alfredo Gavazzi che non ha potuto partecipare per un impegno imprevisto) ed Il Cammi Calvisano Rugby rappresentato dai giocatori Paul Richard Griffen, Salvatore Costanzo, Pablo Luis Canavosio, Mata Maxime Mbandà, Kelly Haimona.

Il libro è il diario di viaggio intrapreso in Nuova Zelanda dall’Ing. Roberto Mondini ed il suo amico Mario De Lisi per assistere alla  Rugby World Cup 2011 ed è stato dedicato ad Enea Mondini (figlio di Ezio Mondini, sindaco di Darfo Boario Terme, tragicamente scomparso per via di un incidente stradale proprio nel 2011). Enea amico di Roberto aveva contribuito a dare allo stesso dritte e location sulla Nuova Zelanda visto che per un periodo ci aveva vissuto poco prima della Rugby World Cup. Enea era  uno splendido ragazzo che amava la vita ed il rugby.

“Il racconto d’un viaggio intrapreso quasi per caso ne vuol essere il testimone  della passione nata e cresciuta dentro me poco alla volta, formata e costruita con lo stesso spirito di cui ne è l’essenza d’uno sport che traduce nel proprio modus vivendi la natura stessa d’un nuovo mondo che si è mostrato affascinante ed irresistibile, un mondo intriso di valori che ne sono la colonna portante e che sento lo specchio della mia stessa anima” afferma l’autore del libro.