BRESCIA – Incontri sui luoghi della carità coordinati dal fondo FAI

0

La Delegazione FAI di Brescia propone un ciclo di 8 conferenze dal titolo “Azioni caritatevoli-assistenziali e Luoghi della Carità in Brescia e Provincia”, tema conduttore della XXII edizione delle Giornate di Primavera, programmate per il 22 e 23 marzo 2014.

La Chiesa di Santa Maria della Carità
La Chiesa di Santa Maria della Carità

 

Gli incontri, aperti a tutti i cittadini e gratuiti, sono anche approfondimenti utili alla preparazione delle guide volontarie che durante l’evento accompagneranno i visitatori alla scoperta dei luoghi dai quali si è propagata l’azione caritativa di enti laici e religiosi, in città e provincia, aperti in occasione delle eccezionali visite FAI di Primavera.

Le conferenze si terranno a Brescia presso il Salone Ferramola del Monastero di Santa Croce delle Suore Ancelle della Carità in Via Moretto 16 – dalle 20,30 alle 21,50.

Questo il calendario degli incontri:

Martedì 14 gennaio 2014, “La rete caritativo-assistenziale di Brescia tra XV e XIX secolo” – Sergio Onger e “L’elemosina ai poveri: il caso della Congrega della Carità Apostolica” – Mario Taccolini;
Lunedì 20 gennaio, “La memoria storica delle azioni caritatevoli (gli archivi storici: Diocesano e della Casa di Dio)” – Giuseppe Merlo e Lucia Signori;
Sabato 25 gennaio, Presso la Casa di Reclusione di Verziano, ore 17,00 (presentarsi entro le ore 16,30), “Il palazzo del Vescovato di Brescia” – Don Giuseppe Fusari;
Mercoledì 29 gennaio, “Una chiesa, in Brescia, dedicata alla Carità” – Giovanni Tortelli e “Bandire la mendacità: l’Opera Pia Casa di Industria” – Federica Martinelli;
Lunedì 3 febbraio, “Palazzo Gaifami-sede della Croce Bianca” – Antonio Rapaggi;
Mercoledì 5 febbraio, “Luoghi della Carità nella Bassa Pianura Bresciana (pievi e monasteri)” – Lucio Serino e Valerio Gardoni;
Lunedì 10 febbraio, “Luoghi della Carità a Lonato del Garda” – Stefano Lusardi;
Giovedì 13 febbraio, “Nella Valle Trompia: parrocchiale e santuario di Marcheno” – Barbara D’Attoma.