GARDONE – Paziente muore in casa di riposo. Fatale una caduta?

0

Si stanno celebrando in queste ore, nella basilica del convento di Gardone Valtrompia, i funerali di Santira Porteri, la 93enne originaria di Pezzaze morta la sera di Capodanno, l’1 gennaio, alla casa di riposo Beretta di Gardone Valtrompia dopo essere caduta dal letto. L’anziana signora aveva avuto quest’infortunio la mattina e subito era stata soccorsa dalle infermiere al loro passaggio per l’igiene mattutina. Dopo i controlli di routine, non le erano stati segnalati problemi fisici e dopo essere stata e poi tornata a letto.

Casa di riposo Beretta
Casa di riposo Beretta

Ma nel pomeriggio le sue condizioni sono peggiorate e in serata è morta. Dopo l’episodio sono state aperte due inchieste, di cui una condotta dalla magistratura e l’altra interna alla struttura sanitaria tra gli operatori assistenziali per capire le cause della caduta e se ci sia stata negligenza da parte del personale.

Ma aldilà dell’inchiesta, è il giorno del ricordo e della tristezza come si è espresso Angelo Rovetta, presidente della casa di riposo, interpellato da Bresciaoggi e che ha spiegato la vicenda accaduta a Capodanno. Per capire cosa abbia provocato la morte dell’anziana signora, degente nella struttura sanitaria per alcune patologie legate all’età, bisognerà aspettare l’autopsia eseguita venerdì sulla salma.

“Non era mai successo nulla di simile da quando dirigo io – dice a Bresciaoggi.- Abbiamo 106 ospiti che curiamo con qualità e sicurezza, tanto che anche i familiari della signora non hanno recriminato nulla verso gli operatori, anzi hanno ringraziato per le cure prestate ogni giorno”. La casa di riposo, quindi, aspetta i risultati dell’esame autoptico per capire le cause all’origine della morte. La signora Santina lascia i figli Gianni, Milena e Nadia.