VALCAMONICA – La Lega attacca le spese della Comunità montana

0

“Il difensore civico regionale faccia chiarezza sui rimborsi spese dei presidenti della Comunità montana di Vallecamonica”. A dirlo è stato il consigliere comunale della Lega Nord di Sellero Severino Damiolini, che con una nota ha attaccato i vertici degli enti camuni accusandoli di aver speso cifre “sproporzionate rispetto alle esigenze degli enti e ai rimborsi erogati agli altri assessori”.

Di seguito il testo integrale del comunicato stampa: “Più volte ho inviato delle richieste agli enti comprensoriali per conoscere l’effettivo ammontare dei rimborsi spesa erogati ai componenti degli organi di governo, ma fino ad ora ho ricevuto come risposta solo un malcelato ostruzionismo. Per questo motivo ho deciso di rivolgermi al Difensore Civico Regionale che ha prontamente sollecitato BIM e Comunità Montana a produrre la documentazione richiesta.

17_28_bso_f1_710_resize_526_394A destare numerose perplessità sono soprattutto le migliaia di euro erogate ai due “presidentissimi” Tomasi e Mascherpa, entrambi esponenti del Partito Democratico ed entrambi beneficiari di rimborsi spesa (esentasse) per viaggi e missioni il cui ammontare – oltre 9.000 euro in tre mesi stando alle cifre parziali pubblicate sul sito della Comunità Montana – pare oggettivamente eccessivo e sproporzionato sia rispetto alle esigenze degli enti, sia rapportato ai rimborsi erogati agli altri assessori. Cifre che devono far riflettere e che è giusto che i cittadini conoscano, soprattutto in questo periodo in cui alla nostra gente vengono richiesti ingenti sacrifici. Sacrifici che però certi amministratori locali faticano ad accettare, definendosi anzi “volontari” nonostante percepiscano cifre notevoli.

Ben vengano quindi proposte come quella dell’on. Davide Caparini che recentemente ha presentato un emendamento che richiedeva l’abolizione dei BIM ed il trasferimento di tutte le loro funzioni e soprattutto delle risorse direttamente ai comuni. Così come la proposta del Governatore di Regione Lombardia Roberto Maroni di eliminare tutti gli enti intermedi tra comuni, province e Regioni.

Enti intermedi che hanno profondamente tradito lo scopo per cui sono stati costituiti, diventando solo soggetti pubblici costosi e pesanti, utili solo agli esponenti della solita vecchia politica per distribuire prebende e privilegi”.