BRESCIA – Tempesta di neve, ha riaperto la Sp 669 verso Gaver

0

Update 28-12 h 15,30 Ha riaperto nel pomeriggio di ieri, 27 dicembre, la strada provinciale 669 verso il monte Gaver. A ripristinare la circolazione è stato un elicottero che emettendo un suono ha fatto cadere le masse nevose più pericolose permettendo a sciatori e turisti di poter salire e scendere lungo la valle. A impedire il tragitto era stata la tempesta di neve che tra Natale e Santo Stefano aveva fatto cadere fino a 70 centimetri di precipitazioni nevose obbligando alla chiusura della strada con le transenne. Ieri, quindi, è stata riaperta ma gli operatori turistici sono sul piede di guerra per una situazione, come le vacanze di Natale, che li ha penalizzati nonostante alcuni cantieri che in passato avevano messo in sicurezza varie zone. Ma se ci sarà una prossima nevicata così abbondante il rischio è una nuova chiusura.

Gaver(27-12 h 15) Dopo la “tempesta di neve” che ha colpito la provincia bresciana tra Natale e Santo Stefano, la situazione sembra evolversi al meglio grazie anche al sole di oggi che dà una tregua. Sul fronte delle strade, è stata riaperta la Ss42 del Tonale dopo l’intensa nevicata che l’ha resa impraticabile e il traffico è regolare anche in Valcamonica. Una delle zone che continua ad aver problemi è la Valsabbia dove la Sp50 tra Vestone e Pertica Bassa è chiusa da Natale per una frana. Sbarre abbassate anche sulla Sp669 in direzione Gaver per la nevicata scesa nei due giorni di feste. Oggi le autorità faranno alcuni controlli per stabilire come sbloccare la viabilità nelle zone più a rischio.

(26-12 h 14,20) E’ arrivata anche nel bresciano la cosiddetta “tempesta di Natale” come l’hanno chiamata i meteorologi e che avevano annunciato. La forza violenta della tempesta si è abbattuta la scorsa notte, tra il 25 giorno di Natale e oggi a Santo Stefano e anche in queste ore ci sono raffiche di vento dalle valli ai laghi. In realtà e per fortuna, i danni sono stati circoscritti e contenuti nella provincia come ha confermato il comando dei vigili del fuoco.

I disagi più frequenti, infatti, sono stati pezzi di alberi pericolanti messi in sicurezza dopo aver tagliato i rami, alcuni cartelli della strada riversi in strada, cantieri pericolanti e cassonetti caduti che hanno portato a un centinaio di segnalazioni. A Brescia, in pieno centro alla stazione sono stati allertati i vigili locali per un albero pericolante, oltre a casi di allagamenti tutti risolti, ma anche alcuni incidenti provocati dalle pesanti condizioni del meteo, come in via Cefalonia dove un moldavo si è schiantato con la sua auto contro un albero ed è grave.

Problemi, ma tutti sotto controllo, anche nella bassa bresciana dove le forti precipitazioni di queste ore hanno alzato il livello del fiume Mella e si sta monitorando il suo corso tra Dello e Offlaga. Sul fronte delle frane, i vigili del fuoco e le forze dell’ordine segnalano casi sulla Valsabbia, in particolare nella zona di Nozza di Vestone e Belprato a Pertica Bassa che ha costretto le autorità a chiudere la strada provinciale 50.

La stessa situazione si registra anche in alta Valtrompia, a Brozzo di Marcheno dove sono caduti alcuni sassi, così come sulla 45 bis del Garda, in territorio di Toscolano, mentre sempre sul Garda si segnalano problemi agli ormeggi delle barche “parcheggiate”. Non si registra alcun ferito, mentre per quanto riguarda le precipitazioni, si segnalano nevicate sopra i 1.000 metri che andranno avanti per tutta la giornata odierna.