SIRMIONE – Perde un braccio per guard rail: no risarcito

0

Oltre al danno la beffa: Matteo Beraldi, il motociclista vittima dell’incidente, non solo non ha diritto ad alcuna forma di risarcimento ma dovrà anche pagare 60mila euro di spese processuali. All’epoca dei fatti, nel lontano novembre 1999, l’uomo procedeva a bassa velocità in sella alla sua motocicletta sulla strada tra Pozzolengo e Sirmione, quando le ruote hanno perso aderenza e hanno fatto scivolare il mezzo contro il guard rail.

Costole rotte, polmone perforati, fegato e reni danneggiati e un braccio tranciato di netto per il motociclista. L’uomo, lamentando la presenza di un guard rail non integro e in quanto tale non in grado di proteggerlo, aveva instaurato un processo: la sentenza con la quale si era concluso il giudizio di primo grado aveva riconosciuto a Beraldi un indennizzo di un milione di euro, ma in appello la decisione è stata inaspettatamente ribaltata. Nessun risarcimento e l’onere di accollarsi 60mila euro di spese processuali, una somma enorme per chi come lui è un semplice impiegato comunale con due figli a carico.