BRESCIA – Il significato dell’esistenza in “The Zero Theorem”

0

Alla multisala Oz viene proiettato il film “The Zero Theorem”, diretto da Terry Gilliam, che racconta di un mondo caratterizzato da una società fittizia e futuristica.

zero2-604x400Il Pianeta, dominato da corporazioni, è controllato, attraverso delle videocamere, da un individuo chiamato Management. Protagonista è Qohen, un bravissimo hacker e importante sviluppatore della Mancom, che si è oramai isolato in casa, dove aspetta un segno che gli indichi il proprio destino.

Durante le sue giornate è infastidito da Bainsley, una donna che lo invita a fare del sesso virtuale, mentre è incoraggiato continuamente dal geniale Bob, figlio di Management. Proprio quest’ultimo, capo delle corporazioni, invita Qohen a risolvere lo Zero Theorem, cioè un algoritmo utopistico relativo all’assurdità dell’esistenza.

La pellicola, presentata al 70° Festival di Venezia, è composta dal seguente cast: il duplice premio Oscar Christoph Waltz (Qohen), Melanie Thierry (Bainsley), Matt Damon (Management) e un altro premio Oscar come Tilda Swinton.