BRESCIA – Piazza Vittoria: Labolani contro Del Bono sugli ultimi interventi

0

“Il Sindaco Emilio Del Bono ha inaugurato oggi [ieri, 21/12/13] il nuovo volto di Piazza Vittoria. Attirerà gli occhi di tutta Italia su quella che è considerata una delle piazze d’inizio del secolo scorso meglio conservate e, soprattutto, su un intervento qualitativamente unico, realizzato nel pieno rispetto dei materiali, delle linee e delle architetture originali. Peccato che nulla di questo sia “farina del suo sacco”! Non solo: per scopi meramente propagandistici l’attuale Primo Cittadino ha attaccato “per partito preso” (nel vero senso del temine) la scelta di ridare pienamente alla piazza l’antico aspetto: mi riferisco al Bigio, naturalmente. E ancora una volta richiamo l’attenzione dei più (volutamente) smemorati sul fatto che l’opera del Dazzi fosse stata lì voluta dalla Soprintendenza. Ora: sono stati spesi per il suo recupero 400.000 euro (statua, ma anche basamento e antica, originale fontana). Non contenti, gli attuali “padroni di Brescia”, hanno scelto (dopo aver criticato la cosa) di spendere altri soldi pubblici per conservare i manufatti sotto una tettoia, con relativi rischi di rovinature. Tutto questo prefigura un grave danno erariale perpetrato contro i cittadini, ed io non ci sto! Valuterò se procedere con un esposto alla Corte dei Conti al riguardo.

c47016Chi ha davvero paura di una fontana e di una scultura?! Gli stessi che abbatterebbero tutti i prodotti dell’architettura razionalista? Nell’attesa che del Bono (ma a sue spese) sradichi ogni tombino della città, rifaccia le facciate, distrugga i palazzi e interi quartieri perché sorti in un periodo storico che non gli aggrada, lo avviso che, se non procederà al posizionamento del Bigio, ho intenzione di promuovere un’interpellanza parlamentare ad hoc! Tutti gli amanti dell’arte e della storia sono avvisati: non permetterò che la bellezza, il paesaggio urbano e l’arte italiana vengano mercanteggiate per scopi politici. Andrò fino in fondo per comprendere come l’indicazione della Soprintendenza al recupero di un bene possa essere tanto bellamente ignorata! Chi ama la nostra Brescia e la nostra Italia, chi è contro gli sprechi, al di là del colore politico, non può che sposare la mia posizione. Del Bono è avvisato”.

Mario Labolani